Venaria: rubavano moto, vendevano i ricambi, producevano e spacciavano marijuana. Sette arresti

Venaria

/

21/07/2018

CONDIVIDI

La Polstrada di Torino ha arrestato cinque persone per i furti di moto e la vendita on line dei ricambi e due per aver coltivato e spacciato ingenti quantità di marijuana

Erano partiti con l’indagare sui furti di motociclette e il riciclaggio dei ricambi sui siti di e-commerce e, alla fine, hanno scoperto un’associazione a delinquere dedita alla coltivazione e allo spaccio di marijuana. Al termine dell’operazione denominata “Adventure”, la squadra di polizia giudiziaria del Compartimento della Polstrada di Torino ha arrestato sette persone: cinque per i furti di moto e la vendita on line dei ricambi e due per aver prodotto e spacciato la droga. L’articolata indagine, coordinata dal pm Eugenia Ghi della procura di Torino, aveva preso l’avvio alcuni mesi fa su segnalazione delle associazioni che rappresentano e tutelano i motociclisti.

Gli agenti della “giudiziaria” in breve tempo sono risaliti alla “mente” dell’organizzazione, un 30enne di Venaria. L’uomo si trovava ai “domiciliari” ma aveva il permesso di recarsi al lavoro presso una concessionaria di motociclette nel vicino comune di Collegno. Il giovane gestiva un’organizzazione decisamente articolata: insieme alla figlia dei titolari della concessionaria, pubblicava annuncia e metteva in vendita in rete i pezzi di cambio delle motociclette Bmw, mentre con un amico di Fiano, Alex C. cuoco in un ristorante di Venaria e con il cognato D.G. residente a Torino, aveva creato un sodalizio dedito allo smercio illegale della marijuana che veniva coltivata in alcuni capannoni che ospitavano le serre climatizzate.

Uno di questi si trovava a Collegno, dove gli agenti di polizia avevano sequestrato, lo scorso mese di gennaio, 227 chilogrammi di marijuana e 33 chili di hashish. In un altro capannone situato a Buttigliera Alta la squadra mobile aveva sequestrato altre 500 piante e altre 3.300 nel complesso “Artico” di Venaria. Complessivamente nei guai sono finite 13 persone.

Dov'è successo?

Leggi anche

05/06/2020

Ceresole: il paese accoglie gratuitamente 150 infermieri e medici che hanno combattuto il Covid

Ceresole Reale è un piccolo comune. Un centro abitato in Valle Orco di 167 abitanti che […]

leggi tutto...

05/06/2020

Piemonte: scattano le denunce per la “bufala” sulle mascherine tossiche distribuite dalla Regione

“La Regione Piemonte sta procedendo a denunciare per procurato allarme quanti hanno dato visibilità all’ignobile accusa […]

leggi tutto...

05/06/2020

Coronavirus in Piemonte: negli ospedali si svuotano e chiudono i reparti Covid. Ma risalgono i contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, venerdì 5 giugno, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy