Venaria: pregiudicato tenta di sfuggire all’arresto gettandosi dalla finestra e finisce in ospedale

11/03/2018

CONDIVIDI

L'uomo, 39 anni, era stato affidato ai Servizi Sociali per aver compiuto una rapina, ma il suo comportamento non era stato ineccepibile

Alla vista dei carabinieri, perso per perso, si è buttato dalla finestra dalla finestra per sfuggire alla cattura: l’alloggio in cui abita si trova al primo piano ma in ogni caso l’uomo, un pregiudicato di 39 anni B.M., ha dovuto prima farsi medicare al pronto soccorso dell’ospedale. E’ accaduto nella giornata di sabato 10 marzo in un quartiere alla periferia di Venaria. I carabinieri hanno richiesto il trasporto del ferito in ospedale: quando sarà guarito per lui si apriranno i cancelli del carcere di Ivrea.

L’uomo era stato in affidato ai Servizi Sociali per scontare una pena relativa a una rapina commessa nel 2015 a Torino. Ma negli ultimi tempi il suo comportamento, documentato dalle indagini compiute dagli uomini dell’Arma, ha convinto il giudice a sospendere l’affidamento.

Quando i carabinieri hanno suonato il campanello B.M. ha compreso che era venuto il momento di andare in carcere e ha tentato di sfuggire alla cattura buttandosi dalla finestra dell’alloggio in cui abita: nella caduta ha rimediato una lombalgia, una trauma alle caviglie e la frattura del tallone destro.

I medici hanno emesso una prognosi di tre settimane: al termine di questo periodo il pregiudicato dovrà rassegnarsi a scontare la pena in galera.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

12/11/2018

Canavese: il “GraiesLab” che punta su innovazione, turismo, mobilità e servizi socioassistenziali

Prenderà il via giovedì 15 novembre a partire dalle ore 15 a Torino nello spazio eventi […]

leggi tutto...

Ingria

/

12/11/2018

Valsoana: l’Enel realizza una nuova linea elettrica. La strada provinciale n° 47 chiude al traffico

L’Enel realizzerà una nuova linea elettrica in Valsoana e per questa ragione la Città Metropolitana ha […]

leggi tutto...

Ivrea

/

12/11/2018

Ivrea, il carcere non è sicuro. L’Osapp, indacato della polizia penitenziaria: “Deve essere chiuso”

L’Osapp, il sindacato autonomo che rappresenta e tutela gli agenti della polizia penitenziaria, non ha dubbi: […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy