Venaria: donna tenta il suicidio con i gas di scarico dell’auto. Salvata in extremis dai carabinieri

08/04/2018

CONDIVIDI

E' stata una passante ad accorgersi del tentativo di suicidio e ha chiamato gli uomini dell'Arma. l'aspirante suicida è ricoverata al Maria Vittoria

Il tubo di plastica collegava la marmitta con l’abitacolo dell’auto con il motore acceso: aveva deciso di addormentarsi per sempre inalando monossido di carbonio. Ma il tentativo compiuto da una donna di togliersi la vita non è fortunatamente riuscito grazie all’immediato e provvidenziale intervento dei carabinieri. E’ accaduto nel pomeriggio di oggi in via Aosta alla periferia di Venaria. La donna di 54 anni, aveva parcheggiato l’auto con il motore acceso con l’intento di riempire l’abitacolo di gas venefico.

Il caso ha voluto che in quel momento stesse passando un’azienda che stava portano a spasso il cagnolino. L’anziana ha immediatamente compreso cosa stava per accadendo e ha chiamato i carabinieri. E sempre il caso ha voluto che in zona si trovasse di passaggio una pattuglia che è stata dirottata sul posto dalla centrale operativa.

Gli uomini dell’Arma hanno aperto l’auto e hanno spento il motore.

Sul posto è intervenuto il personale sanitario della Croce Verde che hanno trasportato l’aspirante suicida al pronto soccorso del vicino ospedale Maria Vittoria. A mettere in sicurezza l’auto sono stati i Vigili del fuoco.

Al momento non si conoscono le motivazioni che hanno spinto la donna a tentare di togliersi la vita.

Dov'è successo?

Leggi anche

23/04/2018

Ex 460: iniziati i lavori tra Leinì e Lombardore per il cedimento della strada. Disagi per gli automobilisti

Sono iniziati oggi, lunedì 23 aprile, i lavori in somma urgenza per il ripristino della circolazione […]

leggi tutto...

23/04/2018

Scuola: successo a Favria per la mostra scolastica “Scopriamo e proteggiamo il nostro territorio”

“Scopriamo e proteggiamo il nostro territorio” è il titolo della mostra proposta dall’Istituto comprensivo di Favria […]

leggi tutto...

23/04/2018

Torrazza: 20enne confessa di essere omosessuale e il padre lo picchia. La condanna dell’Arcigay

Picchiato perchè aveva fatto coming out e aveva confessato di esere gay: questa volta il grave […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy