Venaria: arrestato un pusher che spacciava il “Krokodril”, la droga che provoca cancrene mortali

21/09/2019

CONDIVIDI

I carabinieri della locale Compagnia sono risaliti allo spacciatore seguendo un cliente. Lo stupefacente che arriva dalla Russia è un micidiale mix di codeina, detersivi e fosforo rosso

Si chiama “Krokodil” l’ultima, devastante droga, apparsa sul mercato internazionale. Si ricava dalla codeina e viene normalmente mixata con altri composti come la benzina, l’olio, i detersivi, fosforo rosso e iodio). Lo stupefacente arriva dalla Russia e crea nella pelle dei consumatori desquamazioni che degenerano in ulcere e gravi cancrene. Ma non solo: la droga devasta anche gli organi interni e in pochi anni porta alla morte del soggetto.

Il “Kokrodil” è sbarcato anche in Piemonte. Lo dimostra il fatto che nei giorni scorsi, a Torino, i carabinieri di Venaria hanno arrestato per detenzione e spaccio di droga, F. F. , 47 anni, abitante a Torino. L’uomo è stato fermato dai carabinieri subito dopo aver venduto una dose di “Krokodil” a un cliente. Il pusher spacciava in casa e riceveva i clienti soltanto su appuntamento telefonico.

Poco prima dell’incontro, però, l’uomo si affacciava dalla finestra e con un cenno della mano invitava il cliente a salire. Seguendo un cliente i carabinieri sono riusciti a entrare in casa e a fermare il pusher di “Krokodil:” la nuova droga (chiamata anche droga zombie) che viene dalla Russia. Il “Krokodil” è un narcotico a base di codeina che ha guadagnato popolarità in Russia nel corso degli ultimi anni. Prende il nome dalla parola “coccodrillo”, a causa dell’effetto che produce: la pelle marcisce e cade del tutto.

Nel corso della perquisizione, i carabinieri hanno sequestrato 77 grammi circa di “Krokodil”, 6,40 grammi di cocaina, 2.460 euro e un telefono cellulare. Le indagini proseguono.

Leggi anche

21/02/2020

Rivarolo: Sport e Ambiente, i due temi dell’assemblea autogestita all’Aldo Moro. Incontro con il Ct Blengini

Un murale colora il cortile dell’Istituto Aldo Moro, un pallone e un globo terrestre riempiono le […]

leggi tutto...

21/02/2020

Momenti di panico a Chivasso per un sospetto caso di coronavirus. Ma si trattava di un ictus

Sembrava un caso sospetto di coronavirus quello che si è verificato oggi, venerdì 21 febbraio, all’ospedale […]

leggi tutto...

21/02/2020

Rivarolo: Walter Durbano è il Testimonial dello Sport per la Città di Rivarolo e per il Canavese

Testimonial dello Sport per la città di Rivarolo e per il Canavese: è Walter Durbano, grande […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy