Venaria, 25 anni di carcere alla presunta complice del killer dell’omicidio Corradino

Venaria

/

21/07/2015

CONDIVIDI

Il difensore Antonio Foti aveva chiesto l'assoluzione della sua assistita. Giudici e giuria popolare hanno accolto la tesi della pubblica accusa

Venticinque anni di carcere con l’accusa di concorso nell’omicidio di Marina Corradino, la barista che lavorava all’Auchan di Venaria. La Corte d’Assise di Torino ha condannato la colf venariese Alessandra Barbi, 42 anni, a 25 anni di carcere perché ritenuta complice dell’omicidio di Marina Corradino, 46 anni, una barista dell’Auchan di Venaria, avvenuto nel 2011.

A pronunciare in tarda mattinata la sentenza è stato il giudice Pietro Capello. Il difensore di Alessandra Barbi Cinti, l’avvocato Antonio Foti, aveva chiesto l’assoluzione della sua assistita. Giudici e giuria popolare hanno giudicato l’imputata colpevole, accogliendo la tesi del pm Manuela Pedrotta (che aveva chiesto l’ergastolo) secondo la quale Alessandra Barbi Cinti fu complice del marocchino Abdelilah Intaj (al tempo guardia giurata in servizio all’Auchan di Venaria) accusato di aver ucciso la sua ex amante con otto colpi di pistola.

Per quel delitto, il marocchino fu condannato all’ergastolo. Sentenza che è stata annullata dalla Corte di Cassazione.

Dov'è successo?

Leggi anche

26/02/2020

Chivasso, misteriosa morìa di carpe nella roggia che scorre vicino alla discarica. Indagini in corso

Sono decine le carpe morte rinvenute oggi, mercoledì 26 febbraio, nella roggia Campagna di Chivasso, nei […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di Coronavirus a Ciriè, il tampone sul paziente di 63 anni è negativo

Ultim’ora: il tampone effettuato sul paziente di 63 anni che nella serata di ieri si era […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di coronavirus a Ciriè. Chiuso il pronto soccorso dell’ospedale cittadino

Caso sospetto di coronavirus all’ospedale di Ciriè dove è stato chiuso il pronto soccorso: un uomo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy