Vauda Canavese: rinchiudono due capretti appena nati in un sacco e li buttano in una scarpata

24/04/2018

CONDIVIDI

Ignoti hanno cercato di disfarsi delle due neonate bestioline in un modo disumano. Indagano i carabinieri della stazione di Corio

Devono la vita al provvidenziale intervento dei carabinieri della stazione di Corio: questa volta non si tratta di essere umani ma di due capretti che qualche ignoto peril quale non esistono appellativi, ha chiuso in un sacco di plastica e che ha buttato in una scarpata. E’ accaduto nella giornata di ieri, lunedì 23 aprile, a Vauda Canavese, intorno alle 17,00. A chiamare il 112 sono state alcune passanti che hanno udito i belati dei due capretti trattati come immondizia.

Quando i carabinieri e i vigili del fuoco del distaccamento di Nole Canavese hanno aperto il sacco nero, di quelli usati per l’immondizia e hanno trovato due capretti appena nati e con il cordone ombelicale. Le due povere bestiole sono statae affidate alle cure dei veterinari dell’Asl T04 e hanno iniziati le indagini per risalire all’identità di chi, senza nessuna pietà, si è disfatto dei due piccoli capretti con una modalitò che non è possibile descrivere.

Il colpevole (o i colpevoli) di questo atto inqualificabile rischia di dover pagare un’ammenda che va da mille a diecimila euro e la pena a un anno di reclusione.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/08/2019

Caselle: l’aereo segnala un’avaria. Scatta l’emergenza in aeroporto, ma l’atterraggio è regolare

L’allarme è scattato in seguito alla segnalazione della strumentazione di bordo di un’avaria al sistema frenante: […]

leggi tutto...

22/08/2019

Volpiano: è pubblico il piano di emergenza esterna per i depositi Eni, Autogas e Butangas

Sul sito della Città Metropolitana di Torino è consultabile il piano di emergenza esterna congiunto per […]

leggi tutto...

22/08/2019

Drammatico incidente a Montalto Dora: schianto tra auto e trattore. Grave al Cto agricoltore di 80 anni

L’urto tra i due veicoli è stato particolarmente violento e ancora una volta Montalto Dora è […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy