Valperga: operatrice socio sanitaria licenziata dalle suore dopo un infortunio in casa di riposo

Valperga

/

12/12/2018

CONDIVIDI

Il giudice del lavoro ha disposto il reintegro della dipendente ma nel frattempo è cambiata la gestione. Se non si troverà un accordo la vicenda tornerà in tribunale

Aveva superato i 180 giorni di malattia a causa di una lacerazione ai tendini causata dal tentativo di salvare una paziente affetta da Alzheimer da una caduta e le suore che gestivano la casa di riposo di Valperga l’hanno licenziata. Vittima dell’infortunio e di una vicenda giudiziaria che si è trascinata per oltre due anni è Antonella Genisio, 57 anni, residente a Pratiglione. Alla fine il giudice del lavoro d’Ivrea Matteo Buffoni ha stabilito che il licenziamento era nullo e ha ordinato alla direzione dell’Istituto delle Figlie della Sapienza” di riassumere la dipendente.

Tutto aveva avuto inizio quando, a seguito dell’intervento chirurgico subito per ricucire il tendine l’operatrice socio-sanitaria aveva dovuto osservare un lungo periodo di immobilità superando in questo modo il periodo in cui per legge il datore d lavoro deve mantenere al dipendente ammalato il posto di lavoro. In quel caso l’Inail trasferì la pratica all’Inps considerando l’assenza del lavoro non più come infortunio ma come malattia.

La vicenda ebbe luogo nel mese di novembre del 2016. La sentenza di reintegro è rimasta sulla carta perché nel corso degli ultimi due anni alla congregazione religiosa è subentrata nella gestione della casa di riposo una cooperativa sociale.

Il legale della donna non ha potuto far valere il reintegro perché nel momento n cui è stata licenziata il datore di lavoro era diverso da quello attuale.

La speranza è di trovare una soluzione amichevole altrimenti Antonella Genisio dovrà nuovamente rivolgersi alla Giustizia.

Leggi anche

24/05/2020

Incidente mortale a Candia Canavese: pensionato di 77 anni si ribalta in una scarpata e perde la vita

Quella di domenica 24 maggio è stata una giornata caratterizzata da una lunga scia di sangue […]

leggi tutto...

24/05/2020

Tragedia in Valle Orco: canoista 55enne di Rivarolo Canavese muore nelle acque del rio Piantonetto

Aveva 55 anni Ugo Peroglio. Era residente a Rivarolo Canavese ed era un esperto canoista. Oggi, […]

leggi tutto...

24/05/2020

Coronavirus in Piemonte, l’epidemia arretra. Domenica 24 maggio 43 nuovi positivi e 12 decessi

Alle ore 17,00 di domenica 24 maggio, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy