Valperga, occorrono 180 mila euro per rendere sicura la chiesa. L’appello del parroco

Valperga

/

25/10/2015

CONDIVIDI

Il crollo del campanile ha evidenziato la necessità di procedere a complessi lavori di consolidamento. Si pensa a una raccolta di fondi

Occorreranno non meno di 200 mila euro per mettere in sicurezza la chiesa sconsacrata di San’Antonio Abate a Valperga. Il fulmine che poco più di due settimane fa ha sventrato il campanile dell’edificio ha portato alla luce tutti i danni causati dalla mancanza di manutenzione e dall’abbandono. Una cifra considerevole, ma la parrocchia non dispone di una tale somma per ottemperare agli interventi urgenti prescritti. Sarebbe più economico abbatterla ma la Soprintendenza ai Beni Culturali non ha ravvisato la necessità di farlo.

Il parroco don Martino Botero si trova in un “cul de sac”: i lavori di consolidamento vanno fatti ma il denaro non c’è. L’amministrazione pubblica non può intervenire come precisa il sindaco Gabriele Francisca. In primo luogo perché il Comune ha dovuto attingere al fondo di riserva accantonato per le emergenze per attuare le opere di messa in sicurezza e, in secondo luogo, perché la chiesa appartiene a un soggetto privato.

Che fare dunque? Don Botero non può fare altro che pensare ad una raccolta fondi. E per fare questo si appella accoratamente a tutta la comunità parrocchiale, alle Fondazioni, alle associazioni, agli enti privati, agli sponsor per raccogliere la somma necessaria per eseguire gl’interventi necessari per rendere definitivamente sicuro l’edificio che risale alla seconda metà del Settecento. C’è da sottolineare che se i lavori non saranno eseguiti in tempi brevi, le tre famiglie sfollate non potranno rientrare nello stabile nel quale abitano e che sorge accanto alla chiesa sconsacrata.

Dov'è successo?

Leggi anche

27/02/2020

Ferrovie, dal 28 febbraio parte l’erogazione del “bonus pendolari” per i viaggiatori piemontesi

Ferrovie, dal 28 febbraio parte l’erogazione del “bonus pendolari” per i pendolari piemontesi. Prende il via […]

leggi tutto...

27/02/2020

Emergenza sanitaria: nelle tende pre-triage si gela. Il NurSind: “Gl’infermieri rischiano la polmonite”

La polmonite? Gl’infermieri impegnati nei servizi di pre-triage per la gestione dell’emergenza sanitaria rischiano di contrarla […]

leggi tutto...

27/02/2020

L’Unione dei comuni montani sul coronavirus: “Basta con le restrizioni, torniamo alla normalità”

“Uncem, con i sindaci dei Comuni montani, ringrazia quanto fatto nell’ultima settimana dalla Protezione Civile, dalle […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy