Valperga, crolla un campanile. Tragedia sfiorata. Sfollate tre famiglie

Valperga

/

09/10/2015

CONDIVIDI

Un fulmine ha devastato la torre campanaria della vecchia chiesa sconsacrata in via Martiri. Al lavoro tecnici e Protezione Civile

Ha dovuto sgomberare la propria casa in fretta e furia la famiglia che abitava nel caseggiato accanto alla chiesa sconsacrata in Via Martiri in pieno centro storico insieme agli altri abitanti dell’edificio. Nella disgrazia sono stati fortunati perché il crollo, causato da un fulmine, del campanile avrebbe potuto causare una strage. Un crollo improvviso che ha causato un fragore simile a quello di un’esplosione che si è sentita in tutta Valperga.

Federica Pilotto, 28 anni, aspetta un bimbo, il marito Aldo Minuto 31 anni e il figlio Andrea di appena tre anni e mezzo, sono scampati al crollo avvenuto alle 3,48 della notte scorsa. La famiglia è ancora sotto shock, come scosso è tutto il paese. Il fulmine ha devastato la vecchia torre campanaria risalente al Settecento. Al suo posto, adesso svetta un moncone che potrebbe essere ancora pericolante. Il soffitto della cameretta dove dormiva il bimbo è stato completamente sfondato dalle macerie. Andrea ha riportato soltanto qualche graffio, nonostante sia stato investito da calcinacci e polvere. Sono stati vicini da accogliere la famigliola rimasta senza casa.

Sul luogo del disastro sono immediatamente accorsi i Vigili del Fuoco di Ivrea, le ambulanze del 118, i volontari della Protezione civile e i carabinieri. Il loro intervento, come sottolinea il sindaco di Valperga Gabriele Francisca, è stato provvidenziale e hanno gestito la situazione con la giusta professionalità. Adesso si deve trovare urgentemente una soluzione per accogliere in un luogo sicuro le tre famiglie evacuate.

Quel maledetto fulmine che si abbattuto sulla torre campanaria, scaricando su tutto il paese un potenziale elettrico devastante. Lo dimostra il fatto che in tutto il centro abitato si sono spente le luci e non sono pochi gli elettrodomestici sono rimasti danneggiati. Il primo cittadino ha trascorso tutta notte, insieme a volontari e forze dell’ordine per mettere in sicurezza l’area interessata dal crollo. I tecnici dei Vigili del fuoco di Ivrea e i colleghi dei comune di Valperga stanno attentamente ispezionando ciò che rimane della torre campanaria e i caseggiati vicini. Il timore è che possa cedere anche lo spezzone rimasto ancora all’impiedi a memoria di un disastro senza precedenti.

Leggi anche

Castellamonte

/

14/12/2018

Castellamonte: “Terra mia” presenta venerdì 21 nel Salone “Martinetti” il 16° “Quaderno” annuale

E sono 16 i “Quaderni” pubblicati dall’Associazione Culturale “Terra Mia”. Venerdì 21 dicembre 2018, alle ore […]

leggi tutto...

Ivrea

/

14/12/2018

Baldissero-Castellamonte: violento scontro tra due auto sulla strada provinciale 222. Due i feriti

Ancora un incidente stradale: questa volta teatro di un violento scontro tra una Ford Ecosport e […]

leggi tutto...

Valchiusa

/

14/12/2018

Dal 1° gennaio 2019 nasce ufficialmente il nuovo comune di Valchiusa. Avrà 1.104 abitanti

Si chiamerà Valchiusa il nuovo comune della Città Metropolitana che nasce dall’unione di tre comuni della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy