Valle di Lanzo: niente treni d’estate da Ciriè per Ceres. Scoppia la protesta: “Non siamo cittadini di serie B”

Ceres

/

01/07/2017

CONDIVIDI

Tutte le estati i comuni della Valle sono penalizzati ma quest'anno il Gtt ha chiuso, per manutenzione, tutta la tratta Ciriè-Ceres. Sulla vicenda interviene la regione Piemonte

La linea ferroviaria è percorribile sotanto per metà e, puntuale, esplode la protesta dei pendolari: anche quest’estate il Gtt, la società che gestisce il servizio frroviario, Torino-Ceres interrompe il collegamento da Ciriè a Ceres e viceversa. I convogli si fermano a Ciriè e chi intende proseguire fino al capolinea dell’alta valle di Lanzo può farlo attraverso le 19 corse d’autobus che il gestore mette a disposizione dei viaggiatori. La protesta è giunta fino in regione Piemonte: la consigliera Nadia Conticelli, presidente dellaCommissione Trasporti è decisa ad andare fino in fondo a questa vicenda di ordinario disagio che si ripresenta, puntuale, non appena scoppia l’estate.

“Non è accettabile che nei mesi estivi la tratta ferroviaaria venga bloccata per la manutenzione della rete proprio in un periodo in cui dovrebbe essere maggiormente attiva per agevolare i turisti a raggiungere le località di villeggiatura della vallata” spiega la consigliera regionale. E per dare corpo alla valutazione che esprime ha deciso di chiedere all’assessore regionale ai trasporto Roberto Balocco, di convocare i sindaci che amministrano i paesi della Valle di Lanzo e i verdici del Gtt per trovare un accordo su modalità diverse.

E non è tutto: la presidente della Commissione trasporti ha intenzione di chiedere all’azienda di trasporti che la linea ferroviaria di riattivare la tratta Ciriè-Ceres dal 15 luglio attuando una promozione in accordo con i tour operator e le Aziende di promozione turistica per realizzare pacchetti turistici ad hoc per i paesi delle Terre Alte che sono raggiungibili in treno. E’ indubbio che si tratta di un nodo difficile da sciogliere: il Gtt ribadisce che con il budget a disposizione per gestire la tratta ferrovia, l’obiettivo primario è quello di garantire il servizio prima di tutto ai pendolari. A tutt’oggi spiegano dall’azienda, le corse sono sempre garantite anche se cambiano le modalità di esercizio.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2019

Dramma a Usseglio: bimba di 10 anni cade mentre scia. E’ in rianimazione al “Regina Margherita”

Un altro grave in cidente su una pista da sci: una bambina di 10 anni è […]

leggi tutto...

Caselle

/

17/01/2019

Aeroporto di Caselle: mancano all’appello 20 rotte aeree. Fly Torino: “Si rischia un’estate di crisi”

Il rischio è concreto: la prossima estate potrebbe rivelarsi come qualla più infausta degli ultimi anni […]

leggi tutto...

Ivrea

/

17/01/2019

Costrinse la figlia ad assistere ai rapporti sessuali avuti con l’amante. A processo un 57enne

Avrebbe costretto la figlia ad assistere ai rapporti sessuali consumati con l’amante: a processo è finito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy