Valle di Lanzo: niente treni d’estate da Ciriè per Ceres. Scoppia la protesta: “Non siamo cittadini di serie B”

Ceres

/

01/07/2017

CONDIVIDI

Tutte le estati i comuni della Valle sono penalizzati ma quest'anno il Gtt ha chiuso, per manutenzione, tutta la tratta Ciriè-Ceres. Sulla vicenda interviene la regione Piemonte

La linea ferroviaria è percorribile sotanto per metà e, puntuale, esplode la protesta dei pendolari: anche quest’estate il Gtt, la società che gestisce il servizio frroviario, Torino-Ceres interrompe il collegamento da Ciriè a Ceres e viceversa. I convogli si fermano a Ciriè e chi intende proseguire fino al capolinea dell’alta valle di Lanzo può farlo attraverso le 19 corse d’autobus che il gestore mette a disposizione dei viaggiatori. La protesta è giunta fino in regione Piemonte: la consigliera Nadia Conticelli, presidente dellaCommissione Trasporti è decisa ad andare fino in fondo a questa vicenda di ordinario disagio che si ripresenta, puntuale, non appena scoppia l’estate.

“Non è accettabile che nei mesi estivi la tratta ferroviaaria venga bloccata per la manutenzione della rete proprio in un periodo in cui dovrebbe essere maggiormente attiva per agevolare i turisti a raggiungere le località di villeggiatura della vallata” spiega la consigliera regionale. E per dare corpo alla valutazione che esprime ha deciso di chiedere all’assessore regionale ai trasporto Roberto Balocco, di convocare i sindaci che amministrano i paesi della Valle di Lanzo e i verdici del Gtt per trovare un accordo su modalità diverse.

E non è tutto: la presidente della Commissione trasporti ha intenzione di chiedere all’azienda di trasporti che la linea ferroviaria di riattivare la tratta Ciriè-Ceres dal 15 luglio attuando una promozione in accordo con i tour operator e le Aziende di promozione turistica per realizzare pacchetti turistici ad hoc per i paesi delle Terre Alte che sono raggiungibili in treno. E’ indubbio che si tratta di un nodo difficile da sciogliere: il Gtt ribadisce che con il budget a disposizione per gestire la tratta ferrovia, l’obiettivo primario è quello di garantire il servizio prima di tutto ai pendolari. A tutt’oggi spiegano dall’azienda, le corse sono sempre garantite anche se cambiano le modalità di esercizio.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte, in biblioteca il laboratorio creativo per trasformare in doni gli oggetti riciclati

E’ dedicato alle imminenti feste natalizie il laboratorio creativo dal titolo “Aspettando il Natale…” per bambini […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

24/11/2017

Liceo linguistico al “Moro” di Rivarolo: è finalmente arrivato l’assenso della Città Metropolitana

L’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese potrà contare dal prossimo anno scolastico, su […]

leggi tutto...

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy