Un impianto fotovoltaico nella discarica (chiusa) di Chivasso, una delle più grandi del Nord Italia

Chivasso

/

11/07/2019

CONDIVIDI

Nell'incontro che ha avuto luogo nelle asede della Città Metropolitana si è parlato della realizzazione di un "percolatodotto" che dovrebbe garantire una maggiore sostenibilità, anche economica della gestione del grande impianto, nonché dei lavori di copertura e dei vari interventi mirati alla messa in sicurezza e chiusura dell’impianto

Nuovo incontro nella mattinata di giovedì 11 luglio, presso la sede della Città metropolitana di Torino sulla vicenda della discarica di rifiuti di Regione Pozzo in frazione Pogliani nel territorio del comune di Chivasso.  Attorno al tavolo, presieduto dalla consigliera delegata all’ambiente, vigilanza ambientale, risorse idriche e qualità dell’aria della Città metropolitana di Torino Barbara Azzarà, i rappresentanti del comune di Chivasso, tecnici e amministratori di tutti i soggetti coinvolti nella gestione dell’impianto e delle operazioni di bonifica, Smat, Seta, Smc, Iren, Arpa Piemonte e della stessa Città metropolitana.

La riunione, che fa seguito a quella che si è svolta lo scorso 18 giugno, quando era stato fatto un sopralluogo all’impianto, è servita a fare l’aggiornamento su quanto sta avvenendo nell’ambito della gestione delle discariche presenti all’interno dell’area. In particolare si è parlato della realizzazione di un “percolatodotto” che dovrebbe garantire una maggiore sostenibilità, anche economica della gestione delle discariche, nonché dei lavori di copertura della discarica Chivasso 0, gestita dalla società Seta, e dei vari interventi mirati alla messa in sicurezza e chiusura dell’impianto. In particolare la stessa Seta ha previsto la realizzazione di una pista di accesso proprio per facilitare i lavori sulla sommità della discarica esaurita oltre ad una strada intermedia per consentire l’accesso ai pozzi di biogas.

E’ stato inoltre posto l’accento sulla gestione di tutti gli interventi all’interno del corpo della discarica che si protrarranno nei prossimi anni. Sono trascorsi un paio di mesi dalla notizia dello stanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente di un milione e mezzo di euro destinati proprio alla messa in sicurezza delle discariche, ad integrazione delle risorse già disponibili.

“Un incontro importante quello di oggi – ha commentato la consigliera metropolitana Barbara Azzarà – che ci consente di seguire da vicino l’evolversi della situazione, anche per cercare di fare il possibile per ridurre i tempi di realizzazione delle varie opere. Proseguono i lavori del “percolatodotto” ed il completamento della rete fognaria che comporta l’attraversamento della ferrovia, a seguito dei quali il percolato potrà essere gestito come scarico liquido e, nel rispetto dei limiti imposti dalle leggi, convogliato attraverso la fognatura all’impianto di trattamento”.

“In futuro si potrà realizzare un impianto fotovoltaico. In merito organizzeremo un incontro con i gestori delle discariche e il comune di Chivasso per verificare tale possibilità e utilizzare gli incentivi appena varati dal Ministero. Riconvocheremo il tavolo a settembre – ha concluso Azzarà – per stringere i tempi e mantenere costante l’impegno del nostro ente verso quell’accordo di programma destinato a gestire al meglio la parte emergenziale e, in seguito, quella della realizzazione definitiva della bonifica”.

Oltre ai fondi ministeriali ha specificato Barbara Azzarà, sono stati messi a disposizione il fondo di una fideiussione che si aggiunge a quella della Regione Piemonte.

Leggi anche

18/09/2019

Volpiano: sì alla messa in sicurezza della “provinciale” per Leinì, teatro di incidenti mortali

La questione della pericolosità di un tratto della Strada Provinciale 500 a Volpiano, all’incrocio con via […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ceresole Reale: escursione guidata in E-bike alla scoperta dei tesori del Parco del Gran Paradiso

L’obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo locale: in questo contesto il bar […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ivrea, la Manital finisce in tribunale. Sul futuro dell’azienda deciderà il giudice fallimentare

Amministrazione controllata per la Manital di Ivrea? A decidere sull’ammissibilità per insolvenza saranno i giudici del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy