Aveva ucciso la piccola Manuela Petilli. Dopo l’evasione Ballarin torna in carcere

Ivrea

/

20/10/2016

CONDIVIDI

"Ringo", di etnia Sinti, era stato condannato per l'assassinio ed era riuscito a evadere con uno stratagemma

Era stato condannato per l’efferata uccisione della quattordicenne Manuela Petilli. La fanciulla era stata condotta in un casolare nelle campagne di Ivrea dove fu brutalmente violentata, uccisa e bruciata. L’assassino, Pietro Ballarin, 50 anni, appartente all’etnia Sinti, conosciuto da tutti in Canavese con il soprannome di “Ringo” è stato catturato a Milano dagli uomini della squadra mobile.

Pietro Ballarin era evaso lo scorso 9 ottobre dal carcere di Torino, dove sta scontando una lunga pena per omicidio, durante un permesso premio che gli era stato concesso èer èartecipare alla messa in suffragio di una sorella. Cerimonia religiosa che in realtà non ha mai avuto luogo.

L’evaso è stato catturato nel pomeriggio di ieri mercoledì 19 ottobre prsso la clinica San Giuseppe che si trova in via San Vittore nella quale si era recato per farsi curare un problema di deambulazione. L’efferato omicidio di Manuela Petiti aveva crato, all’epoca, una profonda sensazione nell’opinione pubblica eporediese e nazionale.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/02/2018

Il sindaco di Valperga Francisca a “Il Punto” di Canavesenews in onda su Torino e Canavese Tv

E’ sindaco di Valperga soltanto da poco più di tre anni e da altrettanto tempo Gabriele […]

leggi tutto...

19/02/2018

Atletica: i canavesani tornano a casa da Ancona con un oro, un argento, un terzo e quarto posto

Un oro, un argento, un quarto ed un ottavo posto, il bottino dell’Azimut Atletica Canavesana ai […]

leggi tutto...

19/02/2018

Leinì: i carabinieri scoprono una centrale dello spaccio di droga pedinando un pusher attivo in paese

Lo spacciatore aveva consegnato la dose ad un cliente tossicodipendente e non si era accorto che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy