Aveva ucciso la piccola Manuela Petilli. Dopo l’evasione Ballarin torna in carcere

Ivrea

/

20/10/2016

CONDIVIDI

"Ringo", di etnia Sinti, era stato condannato per l'assassinio ed era riuscito a evadere con uno stratagemma

Era stato condannato per l’efferata uccisione della quattordicenne Manuela Petilli. La fanciulla era stata condotta in un casolare nelle campagne di Ivrea dove fu brutalmente violentata, uccisa e bruciata. L’assassino, Pietro Ballarin, 50 anni, appartente all’etnia Sinti, conosciuto da tutti in Canavese con il soprannome di “Ringo” è stato catturato a Milano dagli uomini della squadra mobile.

Pietro Ballarin era evaso lo scorso 9 ottobre dal carcere di Torino, dove sta scontando una lunga pena per omicidio, durante un permesso premio che gli era stato concesso èer èartecipare alla messa in suffragio di una sorella. Cerimonia religiosa che in realtà non ha mai avuto luogo.

L’evaso è stato catturato nel pomeriggio di ieri mercoledì 19 ottobre prsso la clinica San Giuseppe che si trova in via San Vittore nella quale si era recato per farsi curare un problema di deambulazione. L’efferato omicidio di Manuela Petiti aveva crato, all’epoca, una profonda sensazione nell’opinione pubblica eporediese e nazionale.

Dov'è successo?

Leggi anche

Cuorgnè

/

15/12/2017

Cuorgnè: nuovo sito web in Comune per facilitare il rapporto degli utenti con la pubblica amministrazione

Dal 13 dicembre è on line il nuovo sito web del Comune di Cuorgnè realizzato secondo […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea, niente sale sulle strade ghiacciate: un centinaio di persone finisce in pronto soccorso

Oltre un centinaio di persone sono transitate nella giornata di ieri, giovedì 14 dicembre, nel pronto […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ex dipendente dell’Olivetti scompare nel nulla da anni. La procura accusa il fratello di averlo ucciso

La procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio di Salvatore Angemi, 55 anni, di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy