Era ubriaca la ragazza che stava guidando l’auto travolta dal treno diretto a Ivrea e Aosta. Denunciata

Caluso

/

21/02/2017

CONDIVIDI

La giovane aveva tentato di oltrepassare la ferrovia aggirando il passaggio a livello, ma l'auto è rimasta incastrata

E’ stata denunciata per interruzione di pubblico servizio. Si tratta della conducente della Lancia Ypsilon che nella prima mattinata di ieri, 20 febbraio, ha abbandonato l’auto rimasta incastra sui binari mentre stava sopraggiungendo il convoglio ferroviario partito da Chivasso e diretto a Ivrea-Aosta.

Il treno ha travolto l’auto nel tratto di ferrovia compreso tra i passaggi a livello di Montanaro e Rodallo. Stando a quanto avrebbero accertato i carabinieri della Compagnia di Chivasso, la ragazza di 24 anni, titolare della Lancia Ypsilon stava guidando in stato di ubriachezza. Illesi i passeggeri del treno regionale.

Secondo una prima ricostruzione effettuata dai carabinieri pare che la ragazza abbia cercato di attraversare i binari al di fuori del passaggio a livello. Sarebbe per questa ragione che l’auto è rimasta incastrata nella massicciata di pietrisco. La giovane è stata sottoposta al test dell’etilometro ed è risultata positiva.

La “bravata” ha causato la cancellazione di sette convogli e oltre quattro ore di stop alla circolazione ferroviaria per consentire i rilievi e la rimozione dell’auto incidentata. I passeggeri hanno raggiunto Ivrea e Aosta a bordo di autobus sostitutivi messi a disposizione da Rfi.

Leggi anche

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...

22/02/2018

Borgaro: i vandali danneggiano il monumento del Grande Torino. Ed è polemica

Non c’è limite all’imbecillità e non c’è limite alla mancanza di rispetto per la memoria dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy