Tripudio a Ivrea: Paola Gregorutti è le Vezzosa Mugnaia dell’edizione 2020 del Carnevale

22/02/2020

CONDIVIDI

Violetta è nata a Ivrea il 28 settembre di 43 anni fa, ma è cresciuta a Cerone. Gestisce uno studio dentistico a Caluso e ha sposato Marco Paonessa. La coppia ha due figli: Filippo di 11 anni e Nicolò di 10. "Il mio rammarico più grande è non poter avere a fianco mio papà mancato lo scorso anno" ha detto

Ha sfidato, insieme a migliaia di altre persone, la parura del coronavirus e si è affacciata, alle 21,00 di sabato 22 febbraio, come vogliono la tradizione e il protocollo, dal balcone di Palazzo di Città per essere acclamata dalla folla festante.

Nata a Ivrea il 28 settembre di 43 anni fa, ma cresciuta a Cerone, è Paola Gregorutti in Paonessa la Vezzosa Mugnaia dell’edizione 2020 dello Storico Carnevale di Ivrea. Solare, riservata, ma anche determinata e rigorosa, è una grande appassionata di cavalli e arancere degli Scacchi. Dopo aver frequentato il Liceo Scentifico di Caluso, Paola studia per 4 anni Farmacia a Torino. Nel settembre 2000, dopo aver trascorso un anno di Erasmus in Spagna, conosce Marco Paonessa, 48 anni di Bellavista, oggi amministratore di una start-up e imprenditore nel settore IT, anch’egli di ritorno da un periodo di lavoro all’estero, in California. L’incontro in un pub al Lago San Michele.

Dopo gli studi, non completati per accudire l’amato papà Claudio, storico fondatore degli Scacchi, allora malato di leucemia, Paola lavora per 12 anni in amministrazione Wind. Si licenzia nel 2010 per crescere i figli Filippo (11 anni) e Nicolò (10 anni), che quest’anno lasceranno Piazza Ottinetti e le divise degli Scacchi per accompagnare il papà Marco sul carro del Toniotto. Dal 2012 la nuova Mugnaia gestisce uno studio dentistico a Caluso insieme al Dottor Roberto Olivo.

Paola ha respirato le emozioni del Carnevale fin da piccola: “Da bambina ascoltavo mia nonna Umberta che in cucina cantava la Canzone del Carnevale e da allora non ho mancato neppure un anno sotto il balcone del Municipio per assistere al momento della proclamazione della Mugnaia. Ho sempre vissuto quei momenti carichi di emozioni con lacrime di gioia per l’eroina della festa”. Oggi per Paola si avvera un sogno.

“Ho trascorso i giorni che hanno preceduto la proclamazione come in una bolla, pronta a esplodere per accogliere l’affetto della gente e far parte di tutta quella felicità. Finora il momento più emozionante è stata la prima prova dell’abito bianco. Quando ho incrociato lo sguardo della sarta ho capito cosa stava succedendo e non ho potuto trattenere le lacrime. Mi sento scelta dalla città e spero che gli eporediesi capiscano la mia gratitudine”. Queste le parole di una emozionatissima Violetta.

“Il mio rammarico più grande è non poter avere a fianco mio papà, mancato lo scorso anno, ma mi ritengo comunque una persona molto fortunata”. Paola ha affrontato tutte le sfide che la vita le ha riservato con coraggio e determinazione, ma sempre col sorriso. Le stesse virtù che tutto il popolo eporediese riconosce a Violetta.
Paola sarà accompagnata sul cocchio dorato dalle paggette Sara Paonessa (10 anni), figlia di uno dei fratelli del Toniotto, e Olivia Perenchio (10 anni), compagna di classe del figlio Nicolò. (Foto Alessio Avetta).

Leggi anche

04/04/2020

Coronavirus: per la prima volta volta il numero dei guariti in Piemonte supera quello dei decessi

Trecentoquarantadue pazienti guariti, 546 in via di guarigione. Questo pomeriggio l’Unità di Crisi della Regione Piemonte […]

leggi tutto...

04/04/2020

L’annuncio di Cesare Nosiglia: nella vigilia di Pasqua Ostensione virtuale della Sacra Sindone

In occasione della Pasqua avrà luogo una straordinaria ostensione “virtuale” della Sacra Sindone. Sabato 4 aprile […]

leggi tutto...

04/04/2020

Buoni spesa a Torino: assalto al portale del Comune che è andato in crash. Migliaia le domande

Sono bastati pochi minuti per mandare in crash il sito del Comune di Torino in occasione […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy