Trasporti: il 93,8 % dei canavesani usa l’auto perchè è insoddisfatta dei trasporti pubblici

Rivarolo Canavese

/

18/06/2016

CONDIVIDI

Un'interessante ricerca eseguita dall'Ires per conto dello Spi-Cgil ha evidenziato che il sistema dei trasporti pubblici è troppo caro e obsoleto

L’uso dell’auto? Spesso è una necessità inderogabile, ma molto spesso l’indiscriminato uso dei mezzi è legato alla cronica insoddisfazione nutrita dagli utenti nei confronti dei mezzi pubblici. I mezzi pubblici sono cari, carenti, sporchi e poco affidabili dal punto di vista della puntualità. E’ il poco confortante risultato di un’attenta ricerca compiuta dall’Ires per conto dello Spi-Cgil e la situazione in Canavese non è migliore dei risultati registrati in tante altre regioni italiane. In sintesi: il servizio pubblico non è competitivo nei confronti dell’automobile. L’analisi è stata illustrata nei giorni scorsi dalla dirigenza dello Spi-Cgil del Canavese nella locale società operaia. E i tagli compiuti non hanno certo migliorato la situazione. “In questi anni abbiamo assistito a un notevole taglio dei servizi e questo ha comportato gravi problematiche di collegamento con i centri urbani di riferimento, in particolare per i paesi delle vallate ha spiegato Alfredo Ghella, segretario dello Spi-Cgil  del Canavese. Per effettuare la ricerca sia l’Ires che la Cgil hanno distribuito centinaia di questionari in tutto il Canavese. I risultati sono omogenei. Per il 93,8% degli intervistati, le linee di trasporto pubblico (su gomma e su ferro) andrebbero potenziate in base alle reali esigenze di mobilità della popolazione. Il 78% delle persone coinvolte nell’indagine, inoltre, vedrebbe di buon occhio esperimenti alternativi, come il ricorso a «taxi sociali» (gestiti dai servizi assistenziali del territorio) a prezzo convenzionato.

La ricerca parla chiaramente: per il 48% degli intervistati anche il prezzo dei biglietti di bus e treni Gtt costituisce al momento un problema. L’auto privata resta al primo posto per ogni tipo di spostamento: sia per raggiungere gli uffici pubblici (Comuni, poste e banche), sia per i servizi sanitari. Solo il 5% degli intervistati usa il bus per raggiungere l’ospedale o il poliambulatorio più vicino. Un capitolo allarmante dal momento che, in teoria, almeno gli ospedali dovrebbero essere ben collegati con il territorio al quale fanno riferimento.  I numeri e le percentuali parlano chiaro e descrivono un Canavese che invecchia e una popolazione sparsa in un territorio ricco di micro-comuni.  Di converso non c’è un aumento delle spese sul sociale da parte degli enti pubblici. I trasporti sono solo una delle conferme relative alla mancanza d’investimenti adeguati. Il segnale negativo che emerge dalla ricerca, servirà a fare in modo che il sistema del trasporto pubblico canavesano possa realmente migliorare al di là delle condivisibili dichiarazioni di intenti degli amministratori, ma che tali sono in effetti rimaste?

Dov'è successo?

Leggi anche

21/11/2019

Caselle: malvivente ruba profumi al supermercato poi, fuggendo, urta con l’auto una guardia giurata

Rischia l’arresto per aver compiuto un furto, poi trasformatosi in rapina, per un bottino di 131 […]

leggi tutto...

21/11/2019

Ciriè: concessionaria abusiva in frazione Devesi. Multa da 10 mila euro al titolare. Auto sequestrate

L’autosalone era in attività ma dal punto di vista amministrativo non esisteva. Per questa ragione gli […]

leggi tutto...

21/11/2019

Favria: l’addio all’alpino “Meo” Castello spentosi all’età di 82 anni. Il ricordo di Giorgio Cortese

Si è spento all’età di 82 anni Marco Bartolomeo Castello (Meo). Cavaliere del lavoro, membro del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy