Tragedia a Prascorsano: pensionato di 80 anni muore dopo essere stato travolto dalla propria Jeep

Prascorsano

/

01/02/2017

CONDIVIDI

E' da chiarire se il freno a mano ha ceduto o se non è stato inserito. L'uomo era sceso per parcheggiare l'auto

E’ morto travolto dalla propria auto: Benito Libertino, 80 anni, residente in frazione Comunie a Prascorsano, ha perso la vita nel tentativo di fermare la Jeep, non bloccata dal freno a mano, che dal cortile stava indietreggiando verso la strada. Il tragico incidente è avvenuto nella mattinata di mercoledì 1° febbraio poco dopo le 10,30. Dopo l’allarme, lanciato da un passante che un uomo che stava transitando sulla strada che conduce a Rivara, sul luogo dell’incidente sono intervenuti il personale sanitario del 118 e i carabinieri delle stazioni di Cuorgnè e di Rivarolo Canavese.

I sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’anziano causato dai gravi traumi riportati. L’uomo era residente a Torino ma pare che si recasse spesso nella villetta di Prascorsano che utilizzava come seconda casa e che aveva messo da poco in vendita. E’ toccato ai vigili del fuoco di Ivrea e Castellamonte il triste compito di estrarre il corpo di Benito Libertino dalle ruote del fuoristrada. I carabinieri stanno indagando per accertare l’esatta dinamica dell’incidente mortale e per chiarire se è stato il freno a mano a cedere o se la vittima si era dimenticato di inserirlo poco prima di parcheggiare il Suv.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea: un guasto tecnico blocca il servizio di emodinamica. I pazienti costretti a emigrare

Il gruppo di continuità che assicura l’erogazione di energia in caso di interruzione dell’erogazione di energia […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

15/12/2017

San Giorgio: da lunedì 18 la Media ospiterà gli alunni della scuola chiusa per il monossido di carbonio

Da lunedì 18 dicembre gli scolari della scuola elementare di San Giorgio Canavese, potranno tornare a […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

15/12/2017

Cuorgnè: autobotti Smat prelevano dall’acquedotto per dissetare le Terre Alte in preda alla siccità

Il Canavese ha sete e da circa cinque mesi le autobotti della Smat prelevano l’acqua dall’acquedotto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy