Tragedia ferroviaria a Caluso: i tecnici sbagliano le misure. Motrice e vagoni rimangono nei campi

27/05/2018

CONDIVIDI

I resti del treno regionale avrebbero dovuto essere trasportati al deposito ferroviario delle Ferrovie a Chivasso. Adesso è tutto da rifare. E i curiosi scattano macabri selfie

Ancora un errore caratterizza il catastrofico incidente ferroviario che si è verificato nella serata di mercoledì scorso al passaggio a livello di Arè di Caluso e che è costato la vita a due persone e ha causato il ferimento di 23 passeggeri. Le carcasse della motrice e dei due vagoni che facevano parte del convoglio ferroviario partito da Torino e diretto ad Aosta saranno rimosse dai campi agricolo sui quai sono stati temporaneamente collocati, saranno rimosse soltanto nella giornata di martedì 29 maggio.

A bloccare il trasferimento sarebbe stato un’errore di valutazione commesso durante le misurazioni riguardante il trasporto eccezionale dal passaggio a livello di Arè di Caluso al deposito delle Ferrovia dello Stato situato a Chivasso. Ma cosa è successo? Città Metropolitana, l’Anas e della Città di Chivasso erano già state approntate quando ci si è resi conto che il trasporto delle carcasse non poteva essere effettuato per le dimensioni superano di non poco quelle precedentemente indicate.

Adesso, dopo aver effettuato nuovamente le misurazioni. si attende il rilascio delle nuove autorizzazioni che non saranno pronte prima di martedì. Il sindaco di Chivasso Caudio Castello si trova adesso a gestire una patata bollente in più perchè aveva già indicato il tragitto da percorrere per condurre gl’ingombranti resti del convoglio ferroviario fino al deposito di via Ceresa.

E come ormai accadde sempre più spesso in occasione di tragedie, ciò che è rimasto del treno regionale è diventato in questi giorni meta di curiosi che non perdono la discutibile e macabra occasione per scattare selfie con i vagoni sullo sfondo.

Dov'è successo?

Leggi anche

28/05/2020

Coronavirus, l’ora donata dai dipendenti Nova Coop va a sostegno della Croce Rossa piemontese

Nel mese di aprile i dipendenti di Nova Coop, la cooperativa di consumatori con 64 punti […]

leggi tutto...

28/05/2020

Coronavirus in Piemonte: anche oggi numeri incoraggianti. Un solo decesso e contagi in calo

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che giovedì 28 maggio, i pazienti virologicamente guariti, cioè […]

leggi tutto...

28/05/2020

E’ arrivata in Piemonte “Amnèsia”, la super marijuana che fa perdere la memoria. Ed è allarme

Il variegato mercato delle sostanze stupefacenti non cessa di “sfornare” nuove droghe, sempre più potenti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy