Traffico illegale di rottami metallici in Canavese: la guardia di finanza denuncia 7 amministratori

Rivarolo Canavese

/

15/11/2016

CONDIVIDI

L'accusa per gli amministratori di cinque società è, a vario tirolo, di frode fiscale e reati ambientali. L'operazione è stata condotta dal Nucleo Tributario della Guardia di Finanza

L’”Affaire” illecito non è da poco: 24 mila tonnellate di rottami, peraltro potenzialmente pericolosi, trasportati illegalmente e un giro di fatture false che supera i 14 milioni di euro. Sulla vicenda è intervenuta la Guardia di Finanza del Nucleo Tributario di Torino. Sette le persone denunciate G.N., di 26 anni, e altre cinque persone D.C. di 73 anni, V.L.A. 42 anni, R.M.A. 62 anni, M.G. 38 anni e C.A. 43 anni. Nel mirino degli investigatori è finita una nota azienda di Rivarolo Canavese, specializzata nello smaltimento di rottami metallici. Nell’indagine sono coinvolte altre cinque società del medesimo genere.

L’accusa è quella, a vario titolo, di reati ambientali e frode fiscale. Le indagini degli agenti delle Fiamme Gialle, denominata “Dirty Metal” è stata coordinata dalla procura di Torino ed è stata avviata per fare luce sull’attività di commercio di enormi quantità di rottami  metallici in quotidiano transito in Canavese. Nel corso degli accertamenti i finanzieri hanno scoperto che la società in questione avrebbe acquistato oltre 24mila tonnellate di rottami metallici.

I soggetti denunciati avrebbero mascherato la contabilità per camuffare la reale provenienza dei rifiuti metallici. Eppure nelle fatture esaminate dal Nucleo Tributario della Guardia di Finanza sono emerse operazioni commerciali inesistenti. E non è tutto: i reali acquisti del materiale posto sotto sequestro figuravano come materiale ricevuto da privati cittadini. Una cosa ha appurato l’indagine: l’impossibilità di tracciare la provenienza del materiale metallico costituisce un rischio per la salute collettiva e per l’equilibrio ambientale. Il motivo? Non poter risalire, in assenza della necessaria documentazione prevista dalla legge, non consente di accertare la provenienza del metallo e se questo sia “pulito” oppure pericolosi e da smaltire in qualità di rifiuto speciale.

La procura ha iscritto nel registro degli indagati l’amministratore della società, un giovane di 26 anni, e altri cinque amministratori di età compresa tra i 38 e i 73 anni, accusati a vario titolo di per emissione di fatture false per 14 milioni di euro e evasione dell’Iva per 3 milioni. Tra l’altro, l’amministratore della società canavesana e il l’amministratore cinquantottenne che lo aveva preceduto nella carica A.C., di 58 anni, sono anche stati denunciati anche per traffico illecito di rifiuti.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

22/02/2019

Castellamonte: “Ceramics in Love-Two”, il concorso internazionale per gli artisti della ceramica

La Città di Castellamonte, in occasione della 59ma edizione della Mostra della Ceramica che avrà luogo […]

leggi tutto...

Canavese

/

22/02/2019

Sanità, ricette per esami e visite specialistiche: la Regione estende la validità da due a sei mesi

La validità delle ricette mediche per prestazioni diagnostiche e specialistiche è stata estesa dalla Giunta regionale […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

22/02/2019

In fiamme alloggio in via Rivassola nel centro storico di Cuorgnè. Uomo intossicato dal fumo

Le fiamme sono divampate, improvvise sul balcone di un’abitazione in pieno centro storico di Cuorgnè: è […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy