Terremoto politico a Rivarossa: si dimettono in sei e il Consiglio decade. Si va al voto anticipato

Rivarolo Canavese

/

17/10/2017

CONDIVIDI

A dimettersi sono stati tre consiglieri di maggioranza e tre di minoranza. Il sindaco Enrico Vallino rimarrà in carica fino al prossimo arrivo del commissario prefettizio

Per l’amministrazione comunale di Rivarossa quella di lunedì 16 ottobre sarà ricordata come il “giorno più lungo” del mandato elettorale: tre consiglieri di maggioranza e tre di opposizione hanno rassegnato le dimissioni e il Consiglio comunale è caduto. A breve il Prefetto di Torino invierà il commissario che gestirà l’ordinaria amministrazione fino alle prossime elezioni amministrative che avranno luogo nella prossima primavera con un anno d’anticipo rispetto alla scadenza naturale.

A causare la raffica di dimissioni è stato il richiamo del sindaco Enrico Vallino in relazione alle presunte e costanti assenze dei consiglieri dimissionari. Cristian Ramazzina, Monica Pomero ed Enrico Vallino nel passato avevano denunciato il loro mancato coinvolgimento nelle scelte compiute dall’amministrazione comunale. un divorzio annunciato, insomma, almeno da parte dei consiglieri di maggioranza.

Nella pagina social del Comue di Rivarossa è stato pubblicato uno scarno comunicato con il quale si informa la cittadinanza che il consiglio comunale è formalmente decaduto. “Informiamo la cittadinanza che da oggi il consiglio comunale è decaduto dalle sue funzioni a seguito delle dimissioni contestuali di tre consiglieri di maggioranza (Ramazzina, Siviero, Pomero) e dei tre consiglieri di minoranza (Cinquanta, Vescio, Leone).

Il sindaco e la Giunta restano in carica sino alla nomina del Commissario prefettizio, che avrà il compito di garantire la normale amministrazione sino al primo turno elettorale utile”. E per Rivarossa si apre una nuova parentesi che potrebbe riservare, nei prossimi mesi, ulteriori sorprese in campo politico.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/01/2018

Leinì, donna entra al Pam e ruba cinque bottiglie di champagne. Invece di fare festa è finita in carcere

E’ entrata nel centro commerciale Pam di Leinì già con l’intenzione di rubare quelle cinque bottiglie […]

leggi tutto...

16/01/2018

Favria, rivoluzione in Comune. Parte l’informatizzazione degli uffici. Investiti 59mila euro

Il Comune di Favria ha avviato un progetto di informatizzazione degli uffici comunali che andrà avanti […]

leggi tutto...

16/01/2018

Ivrea, i teppisti riempiono di schiuma le auto in sosta. La Lega Nord: “In città troppi atti vandalici”

Troppi atti vandalici in città e la Lega Nord Canavese ritiene che sia ora di porre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy