Studente quattordicenne di Ciriè vittima dei bulli che lo hanno perseguitato e picchiato con la cinghia

Ciriè

/

09/02/2017

CONDIVIDI

Per otto mesi il ragazzino è stato oggetto delle angherie e delle violenze messe in atto da quattro suoi compagni di scuola che dovranno rispondere di lesioni personali, tentata rapina e altri reati

Picchiato, umiliato e preso a cinghiate: un ragazzo di 14 anni ha dovuto subire le violenze e le angherie di un gruppo di “bulli” con i quali condivide la medesima aula. Sull’angosciante vicenda della quale è protagonista un adolescente residente a Ciriè, sta attualmente indagando la procura dei minori presso il tribunale di Torino. Il ragazzino, che ha raccontato tutto ai carabinieri, frequenta la prima classe superiore. Una classe “irrequieta” a causa di un “branco” di bulli, quattro in tutto, anch’essi quattordicenni, tutti appartenenti a famiglie “bene” che per mesi hanno perseguitato, minacciato e picchiato il ragazzo. Stando alle testimonianze raccolte dai carabinieri, in un’occasione lo studente sarebbe stato picchiato con una cinghia mentre i suoi persecutori gli sputavano addosso. Adesso i presunti “bulli” dovranno difendersi dalle accuse di minacce, ingiurie, atti persecutori, tentata rapina e lesioni personali.

E’ stato lo scorso anno, poco prima dell’inizio delle vacanze estive, che è per l’adolescente è iniziato un incubo vero e proprio. Prima le prese in giro poi le ingiurie e, infine, gli spintoni. Lo studente per settimane non ha parlato con nessuno degli atti di “bullismo” dei quali era vittima. Il poveretto sperava in cuor suo che la persecuzione sarebbe terminata con la chiusura della scuola per il periodo estivo. Non è stato così. Il “branco” lo avrebbe seguito e perseguitato anche in seguito.

Nel mese di agosto durante una serata trascorsa in birreria i compagni di scuola gli dissero, ridacchiando, di aver messo degli escrementi nell’hot dog, quando il ragazzo sarebbe uscito per un attimo dal locale. L’adolescente cercò di abbandonare il gruppo ma iniziarono le minacce. Poi l’ultimo, grave, episodio: le botte e le cinghiate alla ripresa delle lezioni. A quel punto il ragazzo ha deciso di raccontare ogni cosa, prima ai carabinieri e poi ai carabinieri e di denunciare i giovanissimi “bulli” perbene. E il racconto si è concretizzato in una denuncia che ha dato il via a un’indagine finita sul tavolo della procura per i minori di Torino.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/11/2019

Rivarolo Canavese: gran festa per l’asilo nido “Il Girotondo” che compie quarant’anni di vita

Da quarant’anni assolve ininterrottamente alla sua funzione: quello di essere un punto di riferimento per intere […]

leggi tutto...

20/11/2019

Rivarolo Canavese: gli orafi e i metallurgici celebrano in grande stile la festa del patrono Sant’Eligio

Domenica 24 e lunedì 25 novembre a Rivarolo Canavese saranno celebrati i festeggiamenti in onore di […]

leggi tutto...

20/11/2019

Il consigliere canavesano Andrea Cane difende in Regione la presenza del Crocifisso nelle scuole

Torna attuale in Regione Piemonte la contrapposizione politica relativa alla presenza del crocifisso nelle scuole: a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy