Strambino: avevano imbrattato i muri della scuola media poi si sono pentiti e li hanno ripuliti

Strambino

/

04/09/2018

CONDIVIDI

Quattro minori avevano agito nel mese di novembre dello scorso anno nella notte di Halloween. Incastrati dalle telecamere

Prima hanno imbrattato i muri della scuola media “Panetti” di Strambino poi si sono pentiti e hanno lavorato per riparare al malfatto. E’ accaduto a Strambino nel mese di novembre dello scorso anno durante la notte della festa di Halloween: quattro ragazzi avevano imbrattato i muri dell’edificio scolastico con scarabocchi e scritte di pessimo gusto. Protagonisti della bravata sono stati quattro minori: la punizione è stata concordata dai genitori degli adolescenti con il maresciallo Antonino Foti, comandante la locale stazione dei carabinieri e il sindaco di Strambino Sonia Cambursano che aveva denunciato l’episodio.

Nella giornata di ieri, lunedì 3 settembre, i ragazzi armati di spazzoloni, acqua e vernice si sono trasformati per un giorno in imbianchini hanno ripulito con ceretosina e sacrosanta pazienza quei muri che avevano rovinato. I carabinieri erano risaliti all’identità dei vandali attraverso i filmati registrati dalle telecamere installate nei pressi della scuola media e avevano informato i genitori dell’accaduto. Poi con il pentimento è arrivata la sanzione decisamente meno “salata” di quanto probabilmente i ragazzi si attendevano.

Dov'è successo?

Leggi anche

15/09/2019

La Regione stanzia 15 milioni per iniziative di contrasto alla violenza su bambini e adolescenti

L’assessore regionale alle Politiche sociali, Chiara Caucino, annuncia la pubblicazione del bando “Ricucire i sogni”, che […]

leggi tutto...

15/09/2019

Mappano: fugge alla vista del carabinieri e sperona la “gazzella” per fermarli. Arrestato diciassettenne

Quella vecchia Fiat uno che si aggirava di notte nelle strade di Mappano non era sfuggita […]

leggi tutto...

15/09/2019

Ala di Stura: va in cerca di funghi, cade dal sentiero e precipita nella scarpata. Muore un 70enne di Ciriè

E’ morto mentre si stava avventurando in montagna alla ricerca di funghi. Un’altra, ennesima vittima. A […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy