Stefano Sertoli, sindaco di Ivrea, colpito da infarto. Il decorso post-operatorio è, per i medici, soddisfacente

29/07/2019

CONDIVIDI

Il primo cittadino è fuori pericolo. Quando sarà dimesso potrà iniziare il previsto periodo di convalescenza

L’infarto lo ha colpito all’improvviso nel pomeriggio di sabato 27 luglio: il sindaco di Ivrea Stefano Sertoli, 60 anni, si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale di Ivrea lamentando forti dolori al torace e alle braccia. I medici in servizio non hanno avuto dubbi e lo hanno immediatamente ricoverato nel reparto di emodinamica dove è stato sottoposto a un delicato intervento di chirurgia nel corso del quale sono state disostruite le coronarie bloccate e gli sono stati applicati due stent.

Il primo cittadino di Ivrea è fuori pericolo grazie anche al tempismo del personale sanitario del presidio ospedaliero. Il sindaco di trova attualmente, come prevede il protocollo sanitario, in terapia intensiva, ma è fuori pericolo. Tra qualche giorno, terminato il periodo di osservazione potrà fare ritorno a casa.

“Il sindaco di Ivrea, Stefano Sertoli, è stato colpito nel primo pomeriggio di sabato 27 luglio da un infarto. Ricoverato d’urgenza all’Ospedale di Ivrea, è stato sottoposto a un intervento di angioplastica per intervenire sulle coronarie ostruite – si legge in una nota pubblicata sul sito del Comune di Ivrea -. Il decorso post-operatorio è soddisfacente e nei prossimi giorni, una volta dimesso, potrà iniziare la convalescenza”.

Leggi anche

17/08/2019

Vestignè: esce dal cortile va in strada e viene travolto da un’auto. Bimbo di 5 anni grave in ospedale

Travolto da una Fiat Punto mentre si trovava sulla strada: un bambino di cinque anni di […]

leggi tutto...

17/08/2019

La vergogna del “Ponte Preti”: dopo tante promesse di interventi tutto è come prima

E’ trascorso un anno da quando il senatore castellamontese Eugenio Bozzello indisse una raccolta di firme […]

leggi tutto...

17/08/2019

Scatta l’allarme al canile di Caluso per sedici cani ammalati di leptospirosi. Due sono deceduti

Tra i 32 cani provenienti da un’azienda agricola della Val di Chy, alcuni erano affetti da […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy