Stefano Rosso, l’organista canavesano che accompagnerà il ricordo del Grande Torino

02/05/2018

CONDIVIDI

Il 4 maggio la società calcistica sarà presente alla cerimonia religiosa cche sarà celebrata alla Basilica di Superga con il presidente Urbano Cairo. Stefano Rosso ha suonato in occasione della visita canavesana di Sua Santità Papa Benedetto XVI

Il 4 maggio 1949 un aereo si schiantava a causa della nebbia sulle pendici della collina di Suoperga a poca distanza dall’omonima basilica. In quel disastro aereo perì tutta la squadra del Grande Torino. E per commemorare quel triste anniversario la basilica eretta dai Savoia ospiterà, il 4 maggio, come tutto gli anni, la celebrazione eucaristica alla quale prenderà parte la squadra del Torino Calcio a ranghi completi e il presidente Urbano Cairo. All’organo, per l’occasione, siederà il canavesano Stefano Rosso, nato a Torino 48 anni fa, ma residente da anni a Vialfrè.

Organista Emerito della Chiesa San Madre di Dio a Torino, Stefano Rosso nutre per la musica e per l’organo una passione nata nell’infanzia e che perdura con ottimi risultati. Diplomatosi al liceo linguistico Stefano Rosso si è diplomato in musica e Liturgia con don Carlo Franco, parroco del Duomo di Torino. Stefano Rosso ha intrapreso fin dall’età di undici anni lo studio del pianoforte e organo sotto la guida della maestra Donnini c on i padri Bernabiti del Real Collegio Carlo Alberto di Moncalieri che Stefano Rosso frequentato fino dalle elementari.

Sono tanti i riconoscimenti che il talento di organista ha fruttato a Stefano Rosso: tra tutti basti pensare che ha suonato, su invito dell’allora Segretario di Stato cardinal Tarcisio Bertone, alla visita di Papa Benedetto XVI in Canavese. Poco dopo il trasferimento dal capoluogo a Vialfrè, l’allora vescovo Arrigo Miglio lo assegnò al Duomo di Ivrea, ma Stefano Rosso chiese di poter suonate in luoghi più raccolti come Villate, Romano canavese e Bessolo.

E non è tutto: Stefano Rosso ha suonato anche per il sacerdote don Luigi Ciotti durante la liturgia battesimale dei figli dello scrittore Alessandro Baricco. Il palmares che il musicista e organista Stefano Rosso può vantare è notevole, Un esempio su tutti: dal 1981 al 2017 ha animato circa 2mila celebrazioni eucaristiche su tutto il territorio nazionale. E per finire con alcuni colleghi ha inciso il cd “La Voce Ritrovata”: un presente in occasione occasione della Conferimento della Cittadinanza onoraria romanese a Sua santità benedetto XVI. E il 4 maggio il musicista canavesano suonerà di nuovo per i campioni del Grande Torino, scomparsi in una tragedia che non sarà mai dimenticata nella storia del calcio moderno.

Dov'è successo?

Leggi anche

Salassa

/

20/09/2018

Volley: gli “azzurri” del coach canavesano Blengini sfidano la Finlandia e guardano al podio

Gianlorenzo “Chicco” Blengini, commissario tecnico dell’Italvolley, canavese d’adozione (risiede con la famiglia a Salassa) sta per […]

leggi tutto...

Favria

/

20/09/2018

Tamponamento a catena sulla “Favriasca”. Coinvolte quattro autovetture. Nessun ferito

Qualche contusione e un comprensibile spavento oltre a quattro autovetture seriamente danneggiate: è il bilancio di […]

leggi tutto...

Caselle

/

20/09/2018

Caselle: con il nuovo volo operativo della Compagnia aerea Volotea, Napoli è più vicina a Torino

È operativo da lunedì 17 settembre, dall’aeroporto di Caselle, il nuovo volo per Napoli di Volotea, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy