Sparone: i dipendenti dell’ex Ims approvano l’ipotesi di accordo tra sindacati e la Mtd

Sparone Canavese

/

21/05/2016

CONDIVIDI

Via libera all'accordo con la società che fa parte del Gruppo Tiberina di Roma. L'attività produttiva garantirà la piena occupazione dei 221 dipendenti

Quasi il 90 per cento dei 221 dipendenti dell’ex Ims di Sparone hanno approvato l’ipotesi  di accordo stipulata il 16 maggio tra i vertici della società Mtd che fa parte del Gruppo romano Tiberina e i vertici della Fiom-Cgil, della Fim-Cisl e delle Rsu. L’adesione al referendum è stata quasi totale, nonostante l’applicazione dell’accordo che sarà sottoscritto nel più breve tempo possibile, comporti per i lavoratori non poche rinunce e sacrifici. I sindacati si sono dichiarati soddisfatti. Ma c’è da dire che non vi fossero alternative soddisfacenti: se l’ipotesi di accordo fosse stata respinta, l’acquisizione dei rami d’azienda dell’ex Ims da parte della Mtd, avrebbe comportato l’avvio della procedura di mobilità, riservata agli esuberi, per quasi la metà delle maestranze.

Una prospettiva non certo confortante, dato che chi avrebbe continuato a lavorare, lo avrebbe fatto alle condizioni salariali minime contrattuali. Una situazione che avrebbe provocato una ricaduta negativa su un territorio, già messo in ginocchio dalla crisi economica che ha fatto chiudere a cancelli a molte aziende blasonate attive nell’Alto Canavese. Al referendum hanno partecipato 208 dipendenti su 221 aventi diritto: di questi 186 (pari all’86%) hanno votato  a favore dell’accordo sindacale, 27 si sono espressi negativamente e 9 si sono astenuti.

L’esito positivo del referendum assume per il sindacato un preciso e inequivocabile segnale positivo nei riguardi dell’attività di tutela dell’occupazione e dell’attività produttiva. Per Fabrizio Bellino funzionario territoriale della Fiom-Cgil, sottolinea come l’approvazione del referendum costituisca una grande prova di responsabilità e di fermezza in una fase difficile “che evidenzia la grande maturazione dei lavoratori e la determinazione del sindacato in una fase nella quale il rilancio dell’azienda richiede un prezzo da pagare dovute a responsabilità non loro”. Da adesso in poi inizierà la fase di riorganizzazione strutturale dell’azienda che richiederà la concessione di almeno 12 mesi di cassa integrazione straordinaria per evadere i volumi insaturi prodotti e non ancora venduti.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/09/2018

“Strada Gran Paradiso”: la visita al castello di Valperga conclude le escursioni di fine estate

Ultimo fine settimana di settembre e ultima escursione di fine estate-inizio autunno per Strada Gran Paradiso. […]

leggi tutto...

Volpiano

/

25/09/2018

Volpiano: alla scuola di musica della Filarmonica il nome del presidente dell’Anbima Piero Cerutti

Volpiano ha ricordato Piero Cerutti, il presidente provinciale dell’Anbima, l’associazione nazionale che rappresenta le bande musicali […]

leggi tutto...

San Giusto Canavese

/

25/09/2018

San Giusto, l’appello di “Libera” sulla villa confiscata ad Assisi: “Sia restituita alla collettività”

Ancora un Appello di Libera Piemonte riguardante la villa che era di proprietà del narcotrafficante latitante […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy