Soccorso Alpino: in caso di imperizia e di imprudenza si pagherà l’elisoccorso

Canavese

/

03/10/2015

CONDIVIDI

La vicina Valle d'Aosta ha già da tempo adottato un provvedimento simile. Risultato? Chiamate e costi dimezzati

Soccorso Alpino, cambiano (forse) le regole. Escursionisti e alpinisti sono avvisati: se il provvedimento che l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta dovesse essere approvato, si dovrà pagare di tasca propria per l’intervento dell’elisoccorso. Il motivo? Troppe volte gli elicotteri si alzano in volo per incidenti dovuti all’imperizia o alla mancanza di prudenza.

Il servizio costa alla collettività migliaia di euro ogni volta e spesso, l’elisoccorso viene chiamato anche senza che ve ne sia una vera necessità. La prima regione ad affrontare la questione è stato il Veneto. Oltre allo sconto per i residenti, la norma in vigore prevede il pagamento di un ticket anche da parte dei feriti che devono mettere mano al portafoglio e pagare 25 euro al minuto fino ad un massino di 500 euro nel caso in cui l’incidente avvenga durante un’attività ricreativa considerata rischiosa come ad esempio il parapendio, l’arrampicata e lo sci-alpinismo.

Anche la Lombardia sta correndo ai ripari. Nei giorni scorsi è stata presentata la bozza di una sorta di tariffario: 780 euro in caso di un uso ingiustificato dell’elicottero di soccorso, 30% di sconto per i residenti in Lombardia, Tariffa piena invece per i “forestieri”.

L’assessore Antonio Saitta è deciso a presentare in aula la legge regionale tra qualche settimana entro l’inizio della stagione invernale. Il provvedimento non prevede sconti per i piemontesi mentre gli interventi “sanitari” rimarranno gratuiti. Per il resto, l’escursionista dovrà pagare in parte o del tutto il costo del servizio. Le chiamate di soccorso in montagna sono circa 500 l’anno. Ovvero, una su cinque. Chi commetterà imprudenze, assicura l’assessore, pagherà la tariffa piena: 120 euro al minuto. Non si pagherà in caso di incidenti o di emergenze sanitarie.

In valle d’Aosta che già da tempo ha adottato una legge simile, si sono ottenuti risultati strepitosi: le chiamate, guarda caso, si sono dimezzate e i costi anche. Sarà un caso?

Leggi anche

04/06/2020

Caselle: l’aeroporto torinese ha ottenuto la certificazione Airport Customer Experience Accreditation

L’Aeroporto di Torino ottiene la certificazione Airport Customer Experience Accreditation di ACI-Airport Council International, l’associazione di […]

leggi tutto...

04/06/2020

Canavese: on line o sul campo tutti al lavoro i 51 volontari del Servizio civile della Città Metropolitana

I volontari che hanno vinto il bando per il Servizio civile universale sul territorio della Città […]

leggi tutto...

04/06/2020

Droga al “volo”. Arrestato pusher che lanciava le dosi ai clienti che passavano in bicicletta

È arrivato con la “metro” in piazza Nizza, poi ha proseguito a piedi verso via Belfiore […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy