Si svolgeranno a Settimo e non a Torino i funerali del neonato trovato agonizzante in strada

Settimo Torinese

/

05/06/2017

CONDIVIDI

La decisione è stata assunta dal sindaco Fabrizio Puppo. Si attende l'esito dell'esame del Dna. Se la donna non riconoscerà il bimbo le spese delle esequie saranno a carico del Comune

I funerali del neonato trovato agonizzante in strada martedì scorso a Settimo Torinese da un operatore ecologico, saranno celebrati a Settimo Torinese, dove ha vissuto per poco più di tre ore e dove è morto in un modo atroce. In un primo tempo la cerimonia funebre avrebbe dovuto svolgersi a Torino a carico del Comune, ma il sindaco di Settimo Fabrizio Puppo ha deciso altrimenti e, dopo aver trovato un accordo la scorsa settimana, con l’amministrazione subalpina, sta organizzando i prossimi funerali.

Intanto Valentina Ventura, 34 anni, la madre del piccolo Giovanni (così lo hanno chiamato di medici dell’ospedale Regina Margherita che hanno cercato invano di salvarlo) continua a rimanere in una cella della sezione femminile del carcere Le Vallette di Torino con l’accusa di aver gettato il neonato, appena partorito in bagno, dal balcone dell’alloggio al secondo piano.

Alla donna (che sostiene di non essersi accorta di essere gravida) e al compagno verrà chiesto se vorranno riconoscere legalmente il bambino: in caso contrario, come sembra, ad accollarsi le spese della cerimonia funebre e della conseguente tumulazione, sarà la città di Settimo Torinese. La data delle esequie non è ancora stata fissata. Nei prossimi giorni investigatori e procura di Ivrea riascolteranno il convivente della donna il quale ha sempre sostenuto di non essersi accorto del parto e di aver soltanto udito un debole miagolio.

A giorni dovrebbero essere disponibili gli esiti dell’esame del dna disposto dai magistrati.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/08/2019

Escursionismo: prende il via la prima, grande edizione, della “Grande Traversata delle Alpi”

C’è tempo fino al 31 ottobre 2019 per partecipare alla prima edizione di “Sguardi sulla GTA […]

leggi tutto...

16/08/2019

Venaria: l’auto prende fuoco e le fiamme lambiscono uno stabile. Terrore tra i residenti

L’auto ha preso fuoco all’improvviso e le fiamme si sono levate così alte da lambire le […]

leggi tutto...

16/08/2019

In montagna il cellulare non riceve il segnale. L’Uncem: “Se ne occupi con urgenza il Parlamento”

Centinaia di migliaia di persone che in questi giorni si trovano in montagna sanno di cosa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy