Settimo Vittone: una serata in frazione Montestrutto per ricordare la famiglia del maestro Scalero

Settimo Vittone

/

10/10/2016

CONDIVIDI

Il celebre violinista e compositore fu insegnante di composizione al Curtis Institute di Philadelphia (Canada). Acquistò il Castello di Montestrutto dove morì nel 1954

Si terrà venerdì 14 ottobre a partire dalle 21.00 presso il Salone Pluriuso del Comitato di Frazione Montestrutto a Settimo Vittone una serata in onore del Maestro Rosario Scalero e delle tre figlie Liliana, Maria Teresa e Alessandra.

Famoso violinista, compositore, insegnante e scopritore di celebri talenti musicali (tra i quali Nino Rota, Samuel Barber e Gian Carlo Menotti), Rosario Scalero fu cittadino emerito della piccola frazione negli ultimi anni della sua vita. Nato nel 1870 a Moncalieri, si affermò come compositore in America e culminò la propria carriera come insegnante di composizione al Curtis Institute di Philadelphia (Canada). Acquistò il Castello di Montestrutto negli anni ’30, facendovi ritorno dall’America ogni qual volta i suoi impegni lo permettevano. Qui morì nel 1954, dopo averlo eletto a dimora stabile insieme alla seconda moglie Germaine.

Tra gli anni ’30 e il 1954 il Castello di Montestrutto, soprattutto nel periodo estivo, fu luogo di ispirazione e cultura. Il Maestro era solito ospitare gli allievi più cari per proseguire le lezioni. La terrazza del Castello accolse artisti di levatura, filosofi e letterati. Anche le stesse figlie di Scalero furono donne di cultura. In particolare Liliana, scrittrice, fu un’apprezzata traduttrice delle opere di Goethe e poetessa. 

Diventa quindi importante, in questo contesto, dunque per la frazione, celebrare e rendere nota questa memoria.

La moglie di Scalero, Clementina Delgrosso, era figlia di una famiglia borghese di Torino che aveva una casa di campagna a Mazzè. Sulla scia di questo legame ‘affettivo’, gli eredi del Maestro hanno affidato ai volontari della Biblioteca “F. Mondino” di Mazzè i tanti scritti, documenti, lettere, diari e fotografie delle sorelle Scalero.

Un’eccellente e prezioso il lavoro di catalogazione, digitalizzazione e valorizzazione di questo patrimonio culturale che è stato svolto dai volontari della Biblioteca Emma Mondino, Lidia Ferrua ed Edgardo Palazzi.

Durante la serata del 14 ottobre Francesca Mondino leggerà brani tratti dalle memorie di famiglia delle tre sorelle, e il Gran Duo Italiano (Angela Meluso al piano e Mauro Tortorelli al violino) eseguiranno brani composti dal Maestro Rosario Scalero.

Montestrutto e Mazzè s’uniscono quindi nell’ ‘Omaggio agli Scalero’: una serata che si prospetta ricca di suggestioni, alla riscoperta di personalità che arricchiscono il già nutrito patrimonio culturale e artistico del Canavese.  

Daniele Forma

Dov'è successo?

Leggi anche

20/11/2019

Rivarolo Canavese: gran festa per l’asilo nido “Il Girotondo” che compie quarant’anni di vita

Da quarant’anni assolve ininterrottamente alla sua funzione: quello di essere un punto di riferimento per intere […]

leggi tutto...

20/11/2019

Rivarolo Canavese: gli orafi e i metallurgici celebrano in grande stile la festa del patrono Sant’Eligio

Domenica 24 e lunedì 25 novembre a Rivarolo Canavese saranno celebrati i festeggiamenti in onore di […]

leggi tutto...

20/11/2019

Il consigliere canavesano Andrea Cane difende in Regione la presenza del Crocifisso nelle scuole

Torna attuale in Regione Piemonte la contrapposizione politica relativa alla presenza del crocifisso nelle scuole: a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy