Settimo Torinese: vuole vedere la figlia la donna che uccise il figlio neonato. Il no della procura

Settimo Torinese

/

07/08/2017

CONDIVIDI

Il legale dell'indagata ha chiesto gli arresti domiciliari, ma per la procura "sussiste il rischio di recidiva"

Aveva richiesto tramite il suo legale gli arresti domiciliari per stare accanto alla figlia di 7 anni che non vede dal mese di giugno, ma per la procura di Ivrea Valentina Ventura, la donna di 34 anni accusata di aver ucciso il figlio neonato dopo il parto buttandolo dal balcone di casa in via Petrarca a Settimo Torinese “sussiste il rischio di recidiva” e per questa ragione ha rigettato la richiesta.

La donna aveva chiesto di scontare gli arresti a casa per poter stare accanto: l’autorità giudiziaria non si fida sulla scorta di quanto è accaduto al figlio più piccolo, frutto pare, di una relazione extraconiugale, come avrebbe dimostrato l’esame del Dna disposto dalla procura eporediese.

La donna era disposta a vedere la figlia anche sotto il regime protetto. L’udienza di fronte ai giudici del Tribunale della Libertà di Torino è stata fissata per mercoledì 16 agosto.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

20/11/2017

Aeroporto di Caselle: “sbarca” nello scalo il primo store virtuale della Marina Militare Sportswear

L’azienda toscana Iccab srl, produttrice e distributrice in esclusiva del brand di abbigliamento Marina Militare Sportswear […]

leggi tutto...

Volpiano

/

20/11/2017

La Comital di Volpiano fa marcia indietro, ritira i licenziamenti e chiede la cassa integrazione

La Comital di Volpiano fa marcia indietro e ha ufficialmente comunicato che a far data da […]

leggi tutto...

Ivrea

/

20/11/2017

Ivrea, la Band canavesana “The Jab” sbarca ad “Amici”, il celebre talent di Maria De Filippi

Il primo ostacolo, quello dei casting, è stato superato: la band eporediese “The Jab” partecipa ufficialmente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy