Settimo Torinese: vuole vedere la figlia la donna che uccise il figlio neonato. Il no della procura

Settimo Torinese

/

07/08/2017

CONDIVIDI

Il legale dell'indagata ha chiesto gli arresti domiciliari, ma per la procura "sussiste il rischio di recidiva"

Aveva richiesto tramite il suo legale gli arresti domiciliari per stare accanto alla figlia di 7 anni che non vede dal mese di giugno, ma per la procura di Ivrea Valentina Ventura, la donna di 34 anni accusata di aver ucciso il figlio neonato dopo il parto buttandolo dal balcone di casa in via Petrarca a Settimo Torinese “sussiste il rischio di recidiva” e per questa ragione ha rigettato la richiesta.

La donna aveva chiesto di scontare gli arresti a casa per poter stare accanto: l’autorità giudiziaria non si fida sulla scorta di quanto è accaduto al figlio più piccolo, frutto pare, di una relazione extraconiugale, come avrebbe dimostrato l’esame del Dna disposto dalla procura eporediese.

La donna era disposta a vedere la figlia anche sotto il regime protetto. L’udienza di fronte ai giudici del Tribunale della Libertà di Torino è stata fissata per mercoledì 16 agosto.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/08/2019

La crisi minaccia il mercato della frutta. Confagricoltura: “Salviamo un settore già penalizzato”

“In Piemonte abbiamo una produzione frutticola d’eccellenza, apprezzata in Italia e all’estero. Ciò che dobbiamo cercare […]

leggi tutto...

21/08/2019

Rivarolo Canavese: il Comune spende 100 mila euro per rifare la copertura dell’ala sud del Castello Malgrà

Centomila euro per rifare la copertura situata nei pressi del camminamento merlato del castello Malgrà: è […]

leggi tutto...

21/08/2019

Ivrea, ragazza di 17 anni denuncia: “Il branco mi ha stuprata nel centro sociale”. Indaga la procura

Ha soltanto 17 anni la ragazza che ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy