SETTIMO ROTTARO: UNA GRANDE FOLLA PER L’ESTREMO SALUTO A MARCO BELTRANDO

Settimo Rottaro

/

12/12/2015

CONDIVIDI

Amici, colleghi, gli ex compagni del "Gramsci", ex insegnanti, i famigliari distrutti dal dolore: alle esequie hanno partecipato in tanti

Una grande folla fatta di tanti visi giovani. Giovani come Marco Beltrando. Visi tristi, tirati, nei quali brillavano occhi lucidi di commozione a stento trattenuta. Perché i giovani non piangono, si tengono tutto dentro e custodiscono nel cuore anche i dolori più grandi. Grandi come quella della perdita di un amico vero, sempre sorridente, innamorato della vita e della sua splendida famiglia.

In tanti volevano bene a Marco, il giovane di 36 anni (ne avrebbe compiuti 37 giovedì scorso) che la mattina dell’8 dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, ha deciso, insieme ad un amico di recarsi a fare un’escursione sul sentiero che divide la Valchiusella e la Valle di Frassinetto a 2.200 metri di quota. Doveva essere una gita spensierata che si è invece tramutata in un orrore senza fine. La dinamica è chiara: Marco è scivolato a causa dell’erba olina ed è precipitato per duecento metri. La procura di Ivrea non ha nemmeno disposto l’autopsia. Marco Beltrando aveva vissuto per anni a Strambino poi si era trasferito a Ivrea: qui  ha lasciato la moglie Cristina, una giovane donna distrutta dal dolore e un bimbo di appena due anni rismasto orfano troppo presto.

Lauerato in geologia e cartografia, giovane ricercatore all’Università di Torino, con un brillante futuro davanti a sé, Marco si lascia alle spalle un vuoto nessuno potrà mai riempire. Ai suoi funerali che si sono svolti questa mattina alle 11,00 presso la chiesa parrocchiale di Settimo Rottaro, il paese dove abitano i genitori, hanno partecipato oltre cinquecento persone. Studenti universitari, amici, parenti, ex insegnanti, ex compagni di scuola del liceo “Gramsci” di Ivrea, semplici conoscenti. In tanti hanno voluto tributare l’estremo saluto ad un giovane che amava la sua famiglia, il suo lavoro e lo sport. Ed è proprio una triste fatalità che a togliergli la vita sia stata proprio la pratica sportiva.

Dov'è successo?

Leggi anche

04/04/2020

Coronavirus: per la prima volta volta il numero dei guariti in Piemonte supera quello dei decessi

Trecentoquarantadue pazienti guariti, 546 in via di guarigione. Questo pomeriggio l’Unità di Crisi della Regione Piemonte […]

leggi tutto...

04/04/2020

L’annuncio di Cesare Nosiglia: nella vigilia di Pasqua Ostensione virtuale della Sacra Sindone

In occasione della Pasqua avrà luogo una straordinaria ostensione “virtuale” della Sacra Sindone. Sabato 4 aprile […]

leggi tutto...

04/04/2020

Buoni spesa a Torino: assalto al portale del Comune che è andato in crash. Migliaia le domande

Sono bastati pochi minuti per mandare in crash il sito del Comune di Torino in occasione […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy