Il senatore Eugenio Bozzello lancia una petizione sul web per bloccare il traffico pesante sul Ponte Preti

Strambinello

/

16/08/2018

CONDIVIDI

Già raccolte oltre 4mila firme sulle 5mila richieste. La sospensione dovrebbe essere protratta fino al completamento degli interventi di manutenzione che sono indifferibili. La Città Metropolitana ha stanziato 300mila euro per la sicurezza

Una petizione on line con l’obietivo di chiedere e ottenere la messa in sicurezza del “famigerato” ponte Preti di Strambinello che collega l’Alto Canavese e la Valchiusella con Ivrea: l’iniziativa è dell’ex senatore ed ex sindaco di Castellamonte Eugenio Bozzello Verole che da tempo invita le istituzioni a non sottovalutare la presunta pericolosità del ponte e sospendere transitoriamente il passaggio dei mezzi  pesanti. Si legge nella petizione che ha già raccolte quattromila firme sulle cinquemila richieste: “La situazione del ponte Preti di Strambinello da troppi anni è trascurata. Occorre da parte degli enti preposti un’urgente manutenzione. E, in attesa di trovare i fondi, ordinare la sospensione temporanea al passaggio dei mezzi pensati al fine di poter trovare delle soluzioni e dei rimedi.
Insieme tutti noi cittadini e amministratori locali possiamo farci sentire dalle istituzioni e non minimizzare un problema reale. Sin dal 1990 provoca in quel tratto di strada seri problemi di viabilità. Dobbiamo prevenire subito, invece che sempre alla fine soccorrere e piangere”.

La petizione è stata sottoscritta anche da diversi amministratori locali. La petizione, che ha rapidamente fatto il giro del web, pone l’accento sulle problematiche registrate in passato legato all’intenso traffico dei mezzi pesanti e dal passaggio quotidiano di migliaia di autoveicoli sui quali viaggiano altrettanti pendolari. La reazione delle istituzioni nonsiè fatta attendere: oltre all’invito a rifuggire da ogni facile allarmissmo la Città Metropolitana ha stanziato 300mila euro per la sicurezza del Ponte Preti.

Lo conferma il consigliere delegato alle infrastrutture e ai Lavori Pubblici della Città Metropolitana Antonino Iaria: “Il ponte Preti è una struttura ben diversa dal ponte dell’autostrada A10 crollato ieri a Genova. Perché è un ponte ad arco in cemento armato normale e non precompresso. Ed è una struttura monitorata in continuo dal nostro servizio Viabilità”. Ciò non toglie che la profonda impressione causata dall’inaspettato crollo del ponte Moranti dell’autostrada A10, ha creato nei cittadini una diffusa apprensione tra i cittadini. Un’apprensione non del tutto ingiustificata, va precisato, perchè il Canavese è pieno di ponti e viadotti datati e che necessiterebbero di continui (e non saltuari) interventi di manutenzione.

Dov'è successo?

Leggi anche

07/07/2020

Coronavirus: finora in Piemonte 4mila 107 decessi. Crescono i guariti. 5 i nuovi contagiati

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle 17,00 di oggi, martedì 7 luglio, i […]

leggi tutto...

07/07/2020

Chivasso: caschi, tute protettive e guanti al personale. Ecco come la Lilt ha aiutato l’ospedale

Una grande catena solidale che ha consentito di donare all’ospedale di Chivasso 9mila guanti, 600 mascherine […]

leggi tutto...

07/07/2020

Sanità: arriva l’infermiere di famiglia che affiancherà il medico di base nella cura dei pazienti

Affiancherà il medico di famiglia per assicurare una migliore assistenza sanitaria ai pazienti. È l’infermiere di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy