Sempre più spesso i nonni aiutano economicamente figli e nipoti. Gli anziani i veri pilastri dell’economia

30/04/2018

CONDIVIDI

Meno male che i nonni possono ancora contare sulla pensione e sui risparmi di una vita. Ma l'economia di un Paese non può basarsi sull'aspettativa di vita che s'allunga

Meno male che ci sono i nonni, gli unici rimasti a sostenere con le loro pensioni e i risparmi di una vita un’economia vacillante e ricca di incognite. E’ il risltato una recente ricerca condotta da un istituto demoscopico: i nonni vanno a prendere i nipotini a scuola, li guardano e li fanno giocare, facendo risparmiare ai figli i costi di una baby sitter: ma questo è l’aspetto meno negativo di un’impietosa fotografia di un Pase che sta lentamente e inesorabilmente  arretrando.

Molto spesso sono glia anziani genitori ad aiutare i figli a pagare le bollette e la spesa. Viva i nonni, quindi, finchè sono in vita. Ma quando, ahimè, la vecchiaia li fa passare a miglior vita, come sarà l’esistenza terrena di figli e nipoti?

L’Italia non è più una Repubblica fondata sul lavoro, ma sulle pensioni dei nonni, di quegli ultraottantenni che, dopo aver fatto una vita di sacrifici per tirare su i figli, adesso devono anche pensare al futuro dei nipoti, Non è una bella faccenda. Sarebbe bello che i nonni facessero soltanto i nonni e dormissero sonni tranquilli, come meritano del resto. E sarebbe ancora più bello che i tanti italiani non avessero l’impellente necessità di ricorrere sempre più spesso all’aiuto finanziario degli anziani genitori.

Questo è il vero indicatore dell’economia nazionale. E le conclusioni non sono certo confortanti. In attesa che si insedi un governo capace di assumere misure efficaci per far ripartire l’economia, attraverso i consumi, creando lavoro e stipendi da spendere, non ci rimane che abbracciare forte i nonni, pilastro fondamentale dell’economia italiana, e ringraziarli per quanto sono ancora capaci di fare.

Dov'è successo?

Leggi anche

Cuorgnè

/

14/11/2018

La disastrosa sconfitta di Caporetto nel primo degli incontri storici promossi da “Cuorgnè Viva”

Nell’ambito delle celebrazioni per la fine della Prima guerra mondiale, il Centro Incontri “Cuorgnè viva”, in […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

14/11/2018

San Giorgio Canavese: scontro tra auto sulla provinciale per Ozegna. Due i feriti in ospedale

Due auto semi distrutte ed entrambi i conducenti che finiscono al pronto soccorso: è il bilancio […]

leggi tutto...

Ivrea

/

14/11/2018

Asl T04: Fabrizio Bogliatto, 44 anni, è il nuovo direttore di Ostetricia e Ginecologia di Ivrea

Fabrizio Bogliatto, 44 anni, è il nuovo Direttore della Struttura Complessa Ostetricia e Ginecologia Ivrea. Dopo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy