Scuole chiuse, medici e infermieri: “Noi ci occupiamo dei pazienti, chi si occupa dei nostri figli?”

05/06/2020

CONDIVIDI

Chiara Rivetti e Francesco Coppolella: "Troppe colleghe sono arrivate a pensare al licenziamento per gestire la famiglia: non è accettabile, per questo chiediamo che la Regione si attivi per dare massimo supporto a chi ha lavorato con spirito di servizio ed abnegazioni durante la pandemia"

L’Anaao Assomed Piemonte e Nursind Piemonte hanno sottoscritto un documento congiunto che è stato inviato al Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio chiedendo di mettere in atto iniziative specifiche per favorire la conciliazione lavoro-famiglia dei medici ed infermieri piemontesi. A giudizio dei sindacati che hanno redatto il documento, la chiusura delle scuole per i sanitari con figli minori impegnati a gestire l’emergenza epidemiologica Covid-19 ha causato un problema che ha aggravato il già pesantissimo carico di lavoro negli ospedali.

“Ora la difficoltà nella conciliazione vita-lavoro si prolunga, perché d’estate gli ospedali non chiudono: avremo diritto a 15 giorni di ferie e nulla più. Chi baderà ai nostri figli? Le lavoratrici, soprattutto, della sanità in questi mesi hanno pagato un prezzo altissimo, cercando di gestire i figli ed evitando l’aiuto dei nonni, per il rischio di contagiarli – scrivono Chiara Rivetti, segretario regionale Anaao Assomed Piemonte (il sindacato dei medici dirigenti) e Francesco Coppolella segretario regionale del Nursind Piemonte -. Ma già prima dell’emergenza epidemiologica Covid-19, un sondaggio da noi proposto ai sanitari piemontesi rivelava che per il 94% dei responders gestire i figli nei mesi estivi è un problema, definito molto grave da oltre il 56% degli stessi. Per queste lavoratrici ed i lavoratori chiediamo ora che vengano messe in atto iniziative di sostegno, più che guadagnate sul campo”.

Nei fatti sia l’Anaao Assomed che il Nursind chiedono che nella città di Torino si possano attivare dei progetti pilota di centri estivi nei parchi comunali prossimi agli ospedali. L’iscrizione ai centri estivi dovrebbe essere riservata in modo prioritario ai figli dei dipendenti delle Asl/AO. Le aziende dovrebbero convenzionarsi con i centri estivi, contribuendo finanziariamente al pagamento di una quota della retta. Gli orari di apertura dovrebbero avere una certa flessibilità, per conciliarsi con la turnistica ospedaliera.

E non è tutto: al presidente Cirio si chiede che nelle città dove sono già previsti centri estivi, venga attivata una convenzione delle Asl/AO con gli stessi, in modo che sia previsto un contributo economico oltreché la priorità di iscrizione per i figli dei dipendenti delle Asl/AO e che venga aperto un Tavolo di Confronto con le Organizzazioni Sindacali per valutare le possibili soluzioni che consentano di affrontare il problema della conciliazione famiglia-lavoro per i sanitari da mesi impegnati nella battaglia contro il Covid.

“Troppe colleghe sono arrivate a pensare al licenziamento per gestire la famiglia: non è accettabile, per questo chiediamo che la Regione si attivi per dare massimo supporto a chi ha lavorato con spirito di servizio ed abnegazioni durante la pandemia” concludono gli esponenti dei sindacati dei medici ospedalieri e delle professioni infermieristiche.

Leggi anche

10/07/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, venerdì 10, nessun decesso. Sono 9 i pazienti in terapia intensiva

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle ore 16,00 di oggi, venerdì 10 luglio, […]

leggi tutto...

10/07/2020

Dormi tre notti in Piemonte e ne paghi una: arriva il voucher vacanze della Regione. Ecco le Info

 Muove i suoi primi passi la nuova campagna regionale per la ripartenza del turismo in Piemonte: […]

leggi tutto...

10/07/2020

Lorenzo Ardissone, direttore generale dell’Asl T04 lascia l’azienda e va in pensione

Ha chiesto all’assessore regionale Luigi Icardi di poter andare in pensione dato che ha maturato i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy