Scarmagno: un accordo sindacale scongiura la chiusura dell’Innovis. Salvi tutti i 120 posti di lavoro

Scarmagno

/

16/07/2016

CONDIVIDI

L'azienda di call center si trovava nel capannone C dell'ex comprensorio Olivetti, distrutto da un incendio nel 2013

La Innovis non chiuderà. L’azienda, una di quelle che occupava il Capannone C nell’ex comprensorio Olivetti di Scarmagno che fu distrutto da un incendio il 19 marzo del 2013, in virtù di un accordo sindacale che è stato siglato giovedì 14 luglio tra le organizzazioni sindacali e Comdata (la holding che controlla la società Innovis), è al momento salva. Così come è salvo il posto di lavoro dei 120 dipendenti del call center. La Fiom-Cgil in un comunicato esprime “soddisfazione per aver evitato la chiusura dell’azienda di call center, così come paventato nelle scorse settimane dalla controllante Comdata”.

Nel dettaglio l’accordo sindacale prevede che l’azienda farà ricorso ai contratti di solidarietà per un anno, che potranno essere prolungati per un altro anno, la mobilità volontaria e incentivata verso la pensione per coloro che hanno maturato i requisiti e la possibilità di trasferimento di una trentina di addetti in Comdata. Il trasferimento è riservato soltanto a coloro che intendono farlo volontariamente. La firma del protocollo d’intesa chiude un’annosa vicenda che aveva fatto temere il peggio.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

Canavese

/

26/06/2019

Previsioni meteo: in aumento il caldo africano. Domani si supererà il picco dei 40 gradi centigradi

Procede la fase di bel tempo con cieli totalmente sereni al mattino sia in pianura che […]

leggi tutto...

Ivrea

/

25/06/2019

Economia: a Ivrea il Ceo Thomas Miao racconta l’epopea del colosso cinese della telefonia Huawei

Huawei Italia è stata la protagonista del terzo appuntamento nell’ambito dell’iniziativa “Le imprese si raccontano”, un […]

leggi tutto...

Quincinetto

/

25/06/2019

Frana di Quincinetto, l’Uncem polemizza: “A rendere sicura la A5 devono essere le concessionarie”

E’ l’immobilismo delle società concessionarie dell’A5 Torino-Aosta a preoccupare, e non poco, Marco Bussone, presidente nazionale […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy