Scarmagno: Legambiente organizza un incontro pubblico per fare chiarezza sul rogo della Darkem

Scarmagno

/

21/06/2016

CONDIVIDI

La popolazione è allarmata, sopratutto dalla mancanza di chiarezza sul pericolo costituito dai postumi dell'incendio

Rabbia, delusione per conclusioni che ancora non arrivano, disperazione per i danni subiti da una decine di aziende di piccole e medie dimensioni e che sono da quantificare. A distanza di tre settimane dallo spaventoso incendio che distrutto la Darkem di Scarmagno, gl’inquirenti e gl’investigatori continuano ad indagare per appurare le cause delle esplosioni e del successivo incendio. In questo contesto Legambiente ha promosso un incontro pubblico per le ore 18,00 di mercoledì 22 giugno, nel salone pluriuso di via Romano a Scarmagno.

L’obiettivo dell’incontro è quello di fare chiarezza su quanto è successo e quali sono i potenziali pericoli ambientali causati dal rogo. Spiegano i vertici di Legambiente che in seguito alla grande richiesta di informazioni e segnalazioni che i cittadini hanno fatto pervenire all’associazione ambientalista in relazione alle conseguenze procurate dall’incendio alla Darkem, allarmati per quanto è successo e chiedendo informazioni puntuali sulla presenza di sostanze tossiche nei terreni, nelle falde acquifere e quali sono le misure da osservare per garantire la salute, è stato concordato con il comune di Scarmagno un incontro informatico coinvolgendo, per l’occasione, tutte le realtà interessate.

All’incontro parteciperanno oltre a Legambiente, gli amministratori del comune di Scarmagno, l’Arpa Piemonte, l’ Asl To4, i carabinieri e i vigili del fuoco. «Lo scopo dell’incontro è quello di rendere noti i risultati delle analisi effettuate e le eventuali misure da osservare», aggiungono i promotori dell’iniziativa che si è resa necessaria per la scarsa informazione sui pericoli derivanti dall’esposizione al fumo provocato dal drammatico incendio e dei quali si sa poco o nulla.

Dov'è successo?

Leggi anche

26/02/2020

Chivasso, misteriosa morìa di carpe nella roggia che scorre vicino alla discarica. Indagini in corso

Sono decine le carpe morte rinvenute oggi, mercoledì 26 febbraio, nella roggia Campagna di Chivasso, nei […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di Coronavirus a Ciriè, il tampone sul paziente di 63 anni è negativo

Ultim’ora: il tampone effettuato sul paziente di 63 anni che nella serata di ieri si era […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di coronavirus a Ciriè. Chiuso il pronto soccorso dell’ospedale cittadino

Caso sospetto di coronavirus all’ospedale di Ciriè dove è stato chiuso il pronto soccorso: un uomo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy