Scarmagno: dopo l’incendio alla Darkem scatta lo stato d’allerta per ortaggi e allevamenti

Scarmagno

/

07/06/2016

CONDIVIDI

La procura intende stabilire se l'azienda ha preso fuoco per un atto doloso come sostengono i titolari. Tutto il comprensorio industriale è sotto osservazione

I referti delle analisi compiute dall’Arpa devono ancora essere ufficializzate, ma in via del tutto precauzionale il comune ha dichiarato il pericolo di inquinamento per le coltivazioni di frutta e ortaggi e adesso anche per gli allevamenti di animali. Il dopo incendio della Darkem di Scarmagno è anche questo: in attesa di certezze meglio fare in modo che, in ossequio al protocollo, si tuteli la salute pubblica.

Nessun facile allarmismo, è chiaro, ma nel dubbio, fino a quando i laboratori incaricati eseguire le analisi nei campioni di terreno prelevati nel raggio di cinque chilometri dal punto in cui si sono verificate le esplosioni e il successivo incendio non avranno chiarito che cosa è realmente bruciato alla Darkem e quale può essere il potenziale rischio, è bene usare prudenza. Intanto l’elenco dei danni si allunga: è ancora difficile quantificare ma si parla di parecchi milioni di euro. Oltre alle 14 persone ferite, le deflagrazioni hanno distrutto due autobotti dei vigili del fuoco, due edifici sono stati dichiarati inagibili, e ben dieci aziende che sorgevano nei pressi dello stabilimento Darkem hanno subito danni più che rilevanti.

La tensione, nel comprensorio industriale di Scarmagno, realizzato per ospitare gli stabilimenti Olivetti, rimane ancora alta. In parte è sfociata nell’aggressione ai due titolari della Darkem, che sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari. Le indagini della procura di Ivrea proseguono: l’obiettivo è di comprendere che cosa ha innescato il devastante incendio e, soprattutto, se si tratta di un atto doloso, come sostengono i titolari dell’azienda.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/08/2019

Firmato in Regione l’accordo per incentivare il ritorno degli immigrati nei Paesi d’origine

Vuole dare impulso al rimpatrio volontario assistito il progetto sperimentale contenuto in un accordo firmato il […]

leggi tutto...

20/08/2019

Ceresole, afflusso record di turisti. Il vicesindaco Mauro Durbano: “Merito di tutto il paese”

Ottimi risultati per la stagione turistica a Ceresole. Tantissime le presenze registrate e numerosi gli eventi […]

leggi tutto...

20/08/2019

Canavese: Poste Italiane investe nel decoro urbano e nei servizi destinati ai piccoli comuni

Sei nuovi Atm Postamat installati, 15 barriere architettoniche abbattute, 34 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy