Scagionato arancere accusato di aver lanciato un cubetto di porfido contro gli avversari

Ivrea

/

28/01/2017

CONDIVIDI

Il ragazzo, che nel 2015 aveva 14 anni, con l'archiviazione decisa dal Gip, è risultato essere estraneo alle accuse contestate

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Torino, Alessandra Aragno, nel corso della battaglia delle arance, momento “clou” dello Storico Carnevale di Ivrea, ha sentenziato che in quello di due anni or sono il ragazzo non lanciò alcun cubetto di porfido. In virtù di questa decisione assunta dal Gip, la posizione di un quattordicenne di Ivrea, appartenente alla squadra aranceri “Arduini” è stata archiviata.

Per il magistrato, dunque, il minore non avrebbe commesso il fatto del quale era accusato e cioè quello di aver tirato un pericoloso cubetto contro il carro da getto denominato “Il boia del Tiranno”. Nella prima ricostruzione dei fatti, il cubetto avrebbe colpito il casco di uno dei cavallanti.

L’avvocato difensore del minorenne ha gradualmente smontato, nel corso dell’udienza l’intero impianto accusatorio ed è riuscito a dimostrare l’assoluta estraneità del suo assistito in relazione ai fatti che gli erano stati contestati dal pubblico ministero della procura dei minori di Torino.

Non vi fu dunque nessun lancio del cubetto di porfido che avrebbe potuto trasformare una festa in un dramma. Dopo la sentenza emessa dal Giudice per le indagini preliminari, il minore di Ivrea, al termine dell’udienza ha potuto tirare, dopo due anni, un grosso sospiro di sollievo. Grande soddisfazione ed esultanza tra gli aranceri degli “Arduini”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte, in biblioteca il laboratorio creativo per trasformare in doni gli oggetti riciclati

E’ dedicato alle imminenti feste natalizie il laboratorio creativo dal titolo “Aspettando il Natale…” per bambini […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

24/11/2017

Liceo linguistico al “Moro” di Rivarolo: è finalmente arrivato l’assenso della Città Metropolitana

L’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese potrà contare dal prossimo anno scolastico, su […]

leggi tutto...

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy