Sanità: telecamere all’Asl T04. Il sindacato Nursind polemizza e scrive al Garante della Privacy

Chivasso

/

02/07/2018

CONDIVIDI

L'installazione delle videocamere di sorveglianza non sarebbe stato concordato con il sindacato. L'azienda sanitaria invoca la necessità di garantire la sicurezza ed esclude usi impropri delle registrazioni. Si profila una battaglia legale

Si preannuncia un’estate rovente nell’Asl T04 sul fronte sindacale: questa volta non si tratta della cronica carenza di personale sanitario ma dell’installazione, non concordata con il sindacato, di telecamere negli ospedale, negli ambulatori e nei reparti di degenza. Tanto è bastato per convincere il segretario provinciale del Nursind, il segretario delle professioni infermieristiche, Giuseppe Summa a prendere carta e penna e ascrivere al Garante della Privacy segnalando l’accaduto.

“Lo Statuto del Lavoratori prevede che gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori – spiega Giuseppe Summa, possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale e possono essere installati previo accordo collettivo stipulato con le rappresentanze sindacali aziendali”.

Detto questo nel corso di un incontro con l’azienda si è scoperto che le telecamere erano già state installate: per questa vragione l’Organizzazione Sindacale sta valutando la possibilità di intraprendere un’azione legale. “Abbiamo deciso di scrivere al Garante della Privacy affinché possa accertare eventuali violazioni che chiederemo vengano attribuite alla Direzione e non alla collettività. Infatti, non stiamo solo parlando di dipendenti ripresi a loro insaputa, ma anche di cittadini che quotidianamente frequentano le strutture dell’Asl To4 e perfino pazienti ricoverati nelle loro stanze di degenza”.

A giudizio di Giuseppe Summa nessuno intende impedire all’azienda sanitaria di utilizzare impianti di videosorveglianza per la sicurezza delle strutture ma le regole esistono e vanno rispettate, sottolinea il segretario del Nursind. “L’Asl To4 è un’azienda che non le rispetta e lo ha dimostrato già in passato in altre occasioni finite su tutti i giornali. Come può un’azienda chiedere ai propri dipendenti di attenersi ai codici di comportamento e i vari regolamenti, se poi è la prima a violare la legge?”. L’azienda sanitaria invoca la necessità di garantire la sicurezza ed esclude usi impropri delle registrazioni e precisa che soltanto le forze dell’ordine potranno visionale le immagini. Garantire la sicurezza dei degenti e del personale è, per l’Asl T04, un dovere imprescindibile da ogni altra valutazione.

Dov'è successo?

Leggi anche

Canavese

/

22/07/2018

Coldiretti Piemonte: sono 337 le “Bandiere del gusto” che valorizzano i prodotti alimentari regionali

Salgono al numero record di 5.056 le “Bandiere del gusto” Made in Italy a tavola nel […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

22/07/2018

Previsioni meteo: addio aria fresca. Da lunedì 23 luglio torneranno il caldo estivo e l’afa

Tornano il caldo e l’afa dopo la parentesi di instabilità che ha caratterizzato il fine settimana: […]

leggi tutto...

Venaria

/

22/07/2018

Giovane donna di Venaria trovata morta in una camera di albergo di Torino. E’ giallo

A trovare il cadavere di Jole Lauro, in una stanza dell’hotel Miramonti di Torino, è stata […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy