Le aziende sanitarie sono in “rosso”. L’assessore Icardi: “Disavanzo di 454 milioni di euro”

11/08/2019

CONDIVIDI

Il neo amministratore regionale ha incontrato i direttori generali delle Asl e ha detto loro che si aspetta un'inversione di rotta con una riduzione delle spese. La Regione non può continuare a "riempire" i buchi di bilancio

E’ “profondo rosso” nella Sanità Piemontese: i conti delle aziende sanitarie locali vanno male e l’assessore alla Sanità Luigi Icardi non fa mistero della propria personale prouccpazione per una situazione finanziaria che potrebbe minare irrimediabilmente la tenuta del sistema sanitario regionale.

“I conti vanno molto male e occorre intervenire subito. Quello che mi aspetto da voi è che vi sia una potente sterzata nei conti, con una riduzione delle spese- spiega l’assessore alla Sanità -. Questo Governo non assisterà passivamente alla generazione di un disavanzo in grado di minare la sostenibilità del Servizio Sanitario Regionale, finendo col privare i piemontesi della possibilità di effettuare le proprie scelte in tema di sanità pubblica”.

In un recente incontro con tutti i direttori delle Asl del Piemonte, l’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, ha ribadito le preoccupazioni per l’andamento economico del Sistema sanitario regionale, rilanciando gli obiettivi di risanamento dei bilanci: “La Costituzione Italiana, a cui tutti siamo soggetti – ha detto -, prevede il pareggio di bilancio. Il disavanzo va evitato attraverso la programmazione e l’attento monitoraggio dei costi, mediante un atteggiamento proattivo nella gestione delle risorse”.

L’assessore ha auspicato che “le Aziende sanitarie regionali facciano lavorare i propri controlli di gestione, che proseguano o che vengano promossi eventuali confronti fra i territori e che le attuali differenze di spesa, a parità di servizio, vengano presto ridotte”.

“Mi aspetto – ha sostenuto Icardi -, uno sforzo maggiore da parte di quei territori che, compreso il finanziamento degli ospedali, hanno una quota capitaria più alta”.
In apertura, Icardi aveva ricordato che nel 2018 i bilanci delle Asr hanno riportato una perdita complessiva di 161 milioni di euro e che per fare fronte a tali perdite la Regione ha dovuto utilizzare anche le risorse di gestione sanitaria accentrata accantonate negli esercizi precedenti: “Questa situazione di risorse correnti non sufficienti a coprire la spesa corrente – ha osservato l’assessore -, non può e non deve essere il modus operandi del Sistema sanitario regionale. I bilanci di previsione 2019 redatti a inizio giugno 2019, prevedono perdite di esercizio per oltre 454 milioni di euro”.

Leggi anche

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...

16/10/2019

Castellamonte, in primavera il trasferimento del distaccamento dei vigili del fuoco nella nuova sede

Avrà luogo la prossima primavera il tanto atteso trasferimento del distaccamento volontario dei vigili del fuoco […]

leggi tutto...

16/10/2019

Rivara: il sacerdote antimafia don Luigi Ciotti inaugura l’anno accademico dell’Unitre

È stata una grande giornata quella di ieri, 15 ottobre, per l’Unitre di Rivara-Alto Canavese. In […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy