San Maurizio Canavese, nei guai ricettatore che comprava rame rubato

San Maurizio Canavese

/

12/09/2015

CONDIVIDI

La banda, attiva il tutto il Piemonte, svuotava capannoni dismessi e fabbriche di ogni tipo di metalli. Contati sessanta colpi in sei mesi

La banda di romeni operava nel Chierese e in tutto il Piemonte, ma il rame, l’oro rosso, e altri metalli trafugati venivano venduti a un ricettatore di 65 anni che aveva un’attività, non autorizzata, di recupero di materiali a San Maurizio Canavese.

I carabinieri della Compagnia di Chieri, in collaborazione con i colleghi dei reparti specializzati, hanno eseguito nove misure di custodia cautelare in carcere (otto romeni e un italiano) con l’accusa di furto aggravato e ricettazione.

La banda criminale si era specializzata nello svuotamento di capannoni e fabbriche dismesse da ogni metallo presente, in particolar modo il rame. Gl’investigatori attribuiscono all’organizzazione una sessantina di colpi messi a segno in sei mesi. Oggetto dei furti anche cabine elettriche e line ferroviarie. In questo modo in sei mesi i ladri hanno rubato metalli (23 tonnellate di rame), auto e mezzi tecnici per un valore complessivo di 250 mila euro.

Leggi anche

05/07/2020

Coronavirus: il Gruppo Sagat ha aiutato le famiglie e gli alunni di San Maurizio e San Francesco al Campo

Nei giorni scorsi è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione del Gruppo Sagat, Società di gestione […]

leggi tutto...

05/07/2020

Coronavirus in Piemonte: nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono 18 i nuovi casi positivi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, alle ore 17,00 di oggi, domenica 5 luglio, […]

leggi tutto...

05/07/2020

San Giusto: commosso addio a Giorgio Poggio. Il sindaco Giosi Boggio: “Era un uomo speciale”

Aveva 86 anni Giorgio Poggio e a San Giusto Canavese era un’istituzione. La notizia della sua […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy