San Maurizio Canavese: il lavoro svolto in paese al sostegno agli studenti delle scuole diventa un libro

02/12/2019

CONDIVIDI

La presentazione del libro ha offerto l'occasione di un interessante dibattito sulla realtà giovanile in età adolescenziale e preadolescenziale, con gli interventi delle professioniste di Area G, nota associazione torinese impegnata nella solidarietà

San Maurizio Canavese: il lavoro svolto in paese al sostegno agli studenti delle scuole diventa un libro.

“SMS San Maurizio Saturdays”, il progetto di aggregazione giovanile rivolto ai ragazzi delle scuole medie e promosso nel corso del 2019 dal Comune di San Maurizio Canavese, è fra i temi protagonisti di “Ripigliati! Il blocco emotivo dei giovani”, a cura di Maria Antonella Vincesilao (Mimesis Edizioni), presentato sabato 30 novembre nella sala conferenze del Centro Studi Sereno Regis di via Garibaldi a Torino.

Si tratta di una consistente pubblicazione voluta e realizzata da “Area G”, nota associazione torinese da anni impegnata nella promozione di forme di solidarietà e sostegno nei confronti dei giovani, alla quale il Comune di San Maurizio, all’inizio dell’anno, aveva affidato il proprio programma di iniziative rivolte ai giovanissimi del paese. La presentazione del libro ha offerto l’occasione di un interessante dibattito sulla realtà giovanile in età adolescenziale e preadolescenziale, con gli interventi delle professioniste di Area G.

Ospiti della mattinata, per la Regione Piemonte, il consigliere Daniele Valle e, per il Comune di San Maurizio Canavese, il consigliere delegato alle Politiche giovanili Giulia Gobetto, che ha illustrato le attività dell’Amministrazione sanmauriziese al servizio dei giovani e, in particolare, l’esperienza vissuta quest’anno con il progetto SMS San Maurizio Saturdays.

“Il dovere degli amministratori di una comunità come la nostra – spiega Giulia Gobetto – è vivere il paese, conoscerlo e intercettarne ogni esigenza. Nella fattispecie di questo progetto, la fortuna di amministrare una realtà locale è che ogni giorno viviamo accanto ai giovani, li conosciamo e loro ci conoscono, magari facciamo parte delle stesse associazioni, è più facile parlare con loro. Ma non basta, per questo abbiamo deciso di affidarci ai professionisti di Area G. Il nostro obiettivo era ed è fare prevenzione, lavorando per i ragazzi del paese in età preadolescenziale, mostrando loro le opportunità del nostro territorio, aggregandoli, aiutandoli a vivere la nostra comunità e ad affrontare con gioia quell’età meravigliosa ma altrettanto problematica che è l’adolescenza. La collaborazione di Area G è stata determinante, perché ciò che noi chiedevamo, oltre naturalmente alla gestione della parte ludica che era alla base dell’intervento, era il monitoraggio della crescita e delle problematiche dei ragazzi, con attività conseguenti mirate ad aiutarli concretamente nel loro processo di crescita”.

Monitoraggio i cui risultati saranno esposti il prossimo 14 dicembre in occasione della festa finale del progetto SMS San Maurizio Saturdays, alla quale saranno invitate tutte le famiglie sanmauriziesi. Un’occasione, per i ragazzi, per giocare insieme nell’ultimo degli appuntamenti di SMS San Maurizio Saturdays 2019, ma soprattutto per fare il punto di un lavoro attento e capillare svolto nell’anno che volge al termine, in vista di nuovi importanti progetti.

Leggi anche

08/12/2019

Rivarolo: lo Studio Medico Canavesano investe sulla tecnologia e la diagnostica di grande qualità

Spazi rinnovati all’insegna della razionalità e rafforzamento della missione iniziale: quello di essere uno dei punti […]

leggi tutto...

08/12/2019

Plastic e Sugar Tax: Confindustria Piemonte chiede al Governo un’inversione di rotta

A seguito dell’intervento del Direttore Generale di Confindustria Marcella Panucci in occasione dell’Audizione sulla manovra presso […]

leggi tutto...

08/12/2019

“Canavesana”: l’ingresso di Trenitalia slitta di un anno. E i sindaci diventano “pendolari” per un giorno

“Canavesana”: l’ingresso di Trenitalia slitta di un anno. E i sindaci diventano “pendolari” per un giorno. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy