San Giusto Canavese: una “panchina rossa” per invitare gli uomini a non “odiare le donne”

San Giusto Canavese

/

09/03/2016

CONDIVIDI

Il simbolo della lotta ai soprusi e alla violenza compiuta contro le donne è stata installata ieri, 8 marzo

Una “panchina rossa” contro la violenza sulle donne. Un fenomeno, purtroppo, in continua crescita, che ha ispirato la creazione e l’installazione delle ormai celebri panchine colorate di rosso, divenute simbolo della lotta alla violenza e al femminicidio. Una di queste panchine, realizzata dalle giovani artiste sangiustesi Lucrezia Bertetto e Letizia Giulio, da ieri, 8 marzo, giorno della Festa della Donna, fa bella figura di sé nel parco in cui è stato eretto il monumento dedicato ai Caduti di tutte le guerre. Sullo schienale sono stati disegnati occhi di donna: occhi spalancati, dolorosi, accusatori e increduli.

L’installazione della “panchina rossa”, voluta dall’Amministrazione Comunale di San Giusto Canavese ha un significato ben preciso: è un implacabile atto d’accusa della società civile nei confronti di chi commette soprusi e atti di violenza sulle donne. Donne colpevoli essere tali, di non voler essere soltanto considerato come un oggetto di proprietà, di essere umano inferiore. La società muta, a volte in positivo a volte in negativo ma la violenza rimane sottotraccia e spesso non viene denunciata per paura o per scarsa consapevolezza. Le “panchine rosse” sono questo e anche molto di più: un monito a rispettare ed amare il genere femminile e un invito a denunciare quegli uomini che, parafrasando lo scrittore svedese Stieg Larsson, “odiano le donne”.

Dov'è successo?

Leggi anche

24/02/2020

Coronavirus, il presidente di Confindustria Piemonte: “Lo scenario richiede l’unità di tutti”

L’impatto del coronavirus sulla salute collettiva è sotto gli occhi di tutti: quello sull’economia rischia di […]

leggi tutto...

24/02/2020

Caluso: tragedia sulla statale 26. Ciclista 61enne di Vestignè muore dopo essere stato travolto

Caluso: tragedia sulla statale 26. Ciclista 61enne di Vestignè muore dopo essere stato coinvolto in un […]

leggi tutto...

24/02/2020

Ivrea/Chivasso: l’Arcivescovo Nosiglia sospende le funzioni religiose nelle Diocesi

Funzioni religiose sospese in tutte le Diocesi di Torino e di Susa. Anche la Curia si […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy