San Giusto: sulla villa confiscata al boss Assisi la Città Metropolitana chiede un progetto comune

San Giusto Canavese

/

08/07/2019

CONDIVIDI

Il vicesindaco Marco Marocco: "Una rete di istituzioni pubbliche potrebbe rappresentare una valida soluzione"

Marco Marocco vicesindaco della Città Metropolitana di Torino non ha dubbi: quella relativa all’arresto in Brasile di Nicola Assisi, tra i più grandi trafficanti di cocaina del mondo, condannato a 30 anni di carcere dal Tribunale di Ivrea, è una notizia senza dubbio di notevole importanza.

“Una vittoria delle forze dell’ordine e della legalità – commenta Marco Marocco – che ripropone con forza la necessità di un progetto condiviso sulla destinazione della villa di san Giusto Canavese. Chiunque abbia a cuore la legalità, vorrebbe dare al bene confiscato una destinazione anche simbolica importante per il territorio, ma non dobbiamo nasconderci allo stesso tempo le grandi difficoltà che gli Enti pubblici incontrano in questi casi”.

Una progettazione pubblica condivisa sulla miglior destinazione per la villa di San Giusto Canavese, che non lasci quel bene confiscato senza un destino ma assicuri allo stesso tempo l’impegno di una rete di istituzioni pubbliche piemontesi e nazionali potrebbe rappresentare una soluzione.

Leggi anche

05/12/2019

Economia, piccole e medie imprese e accesso al credito: appuntamento il 10 dicembre a Ivrea

Proseguono gli incontri su “PMI e acceso al credito: come rispondere alle novità legislative”. Dopo quello […]

leggi tutto...

05/12/2019

Caselle: servizio di trasporto dall’aeroporto al centro città e alle stazioni con i Bus Express

Prende il via il nuovo servizio Express dall’Aeroporto di Torino per il centro Città operato da […]

leggi tutto...

05/12/2019

Rivarolo: gran festa alla Casa di Riposo San Francesco per i cento anni compiuti da Adele Giorda

Gran festa alla casa di riposo San Francesco di Rivarolo Canavese: il 30 novembre è tornata […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy