San Giusto, l’appello di “Libera” sulla villa confiscata ad Assisi: “Sia restituita alla collettività”

San Giusto Canavese

/

25/09/2018

CONDIVIDI

Potrebbe diventare uno dei simboli della vittoria dello Stato contro le mafie, nel nord Italia, spiegano a Libera. Oppure la sua resa, se la situazione non cambia. "L'edificio aspetta ancora di essere sanificato e di iniziare un percorso per restituirla alla collettività. Oggi, nostro malgrado e nonostante gli sforzi fatti, la situazione non è mutata"

Ancora un Appello di Libera Piemonte riguardante la villa che era di proprietà del narcotrafficante latitante Nicola Assisi confiscata a San Giusto Canavese: “Le istituzioni facciano l’ultimo sforzo e restituiscano il bene alla collettività”». L’associazione antimafia fondata da don Luogi Ciotti ritorna sulla villa del narcotrafficante latitante, al centro di alcune vicissitudini di cronaca anche negli ultimi mesi. “Potrebbe diventare uno dei simboli della vittoria dello Stato contro le mafie, nel nord Italia. Oppure la sua resa, se la situazione non cambia radicalmente – dicono da Libera -, la villa appartenuta a Nicola Assisi, narcotrafficante ancora oggi latitante, aspetta ancora di essere sanificata e che inizi un percorso per restituirla alla collettività. Oggi, nostro malgrado e nonostante gli sforzi fatti, la situazione non è mutata”.

E non è tutto: Libera Piemonte rende noto che la villa non è più presidiata giorno e notte, nonostante le forze dell’ordine abbiano intensificato i controlli in paese e non esiste un progetto per restituirla ai cittadini. Nessun lavoro è stato fatto – si sottolinea -, tanto che all’interno delle stanze si possono ancora trovare le bombole di gas, i calcinacci, le mura annerite dalle fiamme. “Siamo convinti sia necessario compiere l’ultimo sforzo e mettere nelle condizioni alla villa di rinascere, aprendo le porte alla cittadinanza, attraverso un percorso di restituzione sociale della struttura. Chiediamo, quindi, alle Istituzioni competenti di mettere in campo tutte le forze necessarie per raggiungere questo obiettivo”.

“Leggendo la cronistoria del bene – prosegue Libera- siamo davanti ad un’attesa inspiegabile, per una serie di ragioni. Il bene è stato confiscato in via definitiva nel 2011, quindi appartiene allo Stato: è stato liberato dai familiari nel marzo del 2018.Nel giardino di quella villa, nel 2015, gli inquirenti hanno trovato seppelliti 4 milioni di euro in contanti, frutto della redditizia ed illecita attività del narcotrafficante Assisi, che a San Giusto Canavese ha vissuto prima di rendersi latitante alla giustizia. Pochi mesi fa, intorno agli inizi di maggio, ignoti si sono introdotti nel bene e hanno appiccato un incendio. Nella struttura sono state trovate 2 bombole di gas, dimostrazione che la volontà era quella di far saltare in aria la struttura. San Giusto Canavese conosce da vicino il fenomeno dell’infiltrazione mafiosa. Non dobbiamo dimenticarci, infatti, che proprio in questo piccolo centro del Canavese la ‘ndrangheta ha insediato un locale, sgominato con l’operazione Minotauro del 2011”.

A San Giusto Canavese, comune di 3.300 abitanti, sono stati confiscati ben cinque beni al crimine organizzato. “Considerati questi elementi, come Libera abbiamo cercato di reagire facendo rete con tutte le istituzioni per facilitare il percorso di rinascita di questo luogo, convinti della necessità di dare una risposta – pronta e decisa – al chiaro atto intimidatorio. Abbiamo organizzato nella villa la nostra assemblea Regionale ed abbiamo vissuto – 24 ore su 24 – lì per un intero mese, organizzando un presidio con tanti volontari. Oggi, nostro malgrado e nonostante gli sforzi fatti, la situazione non è mutata”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...