San Giorgio: finì in carcere per una rapina commessa dal fratello. Giovane assolto e risarcito

Rivarolo Canavese

/

09/06/2017

CONDIVIDI

Nonostante si fosse proclamato innocente, il giudice condannò l'uomo. Adesso sono arrivati il risarcimento e l'assoluzione con formula piena

Aveva scontato una pena a tre mesi di reclusione e due anni da trascorrere con l’obbligo di dimora per una rapina che aveva commesso il fratello alla filiale Intesa Sanpaolo di San Giorgio Canavese. Adesso quei 53 giorni trascorsi in carcere senza aver commesso alcun reato valgono 12mila e 498 euro. Lo ha stabilito una sentenza della Corte d’Appello di Torino. Daniele Gallo Cassarino, 28 anni, può finalmente tirare un grosso sospiro di sollievo. Il fatto aveva avuto luogo nell’estate del 2012.

Il giovane dopo l’arresto aveva subito proclamato davanti in tribunale a Ivrea la sua innocenza, rispetto al reato contestato indicando nel fratello che gli somigliava molto, il probabile autore della rapina. Il giudice non credette alla sua versione e nel mese di novembre del 2014 lo condannò in primo grado a quattro anni e mezzo di reclusione. E neanche la confessione resa dal fratello che aveva effettivamente compiuto la rapina servì a scagionare Daniele Gallo Lassarino tanto che i giudici avevano rigettato la richiesta di un esame antropometrico che a giudizio della difesa aveva lo scopo di verificare se il rapinatore ripreso dalle telecamere di sorveglianza fosse effettivamente il giovane condannato.

Una richiesta che la Corte di Appello di Torino ha accolto; l’esame ha definitivamente scagionato il giovane e i giudici lo hanno assolto con formula piena e fissando in gli oltre 12 mila euro il risarcimento per quei 53 giorni trascorsi ingiustamente in carcere.

Dov'è successo?

Leggi anche

20/10/2019

E’ di Levone il piccolo genio della matematica che a 11 anni ha sbaragliato migliaia di concorrenti

Frequenta la scuola media all’Istituto comprensivo di Caselle, lo studente 11enne di Levone che si è […]

leggi tutto...

20/10/2019

Leinì: la 23enne Denise è morta in un tragico incidente stradale. Il ricordo disperato del padre e degli amici

Denise Puglia, 23 anni, residente ad Alice Superiore in Val di Chy e Angelo Raffaele Torchia, […]

leggi tutto...

20/10/2019

Vische-Mazzè: banda di ladri fa saltare in aria due bancomat. I carabinieri sulle tracce dei malviventi

Intorno alle 1,30 circa della notte di domenica 20 ottobre,  a Vische e nella vicina Tonengo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy