San Benigno, banditi tentano una rapina al supermercato e fuggono a mani vuote

San Benigno Canavese

/

03/09/2015

CONDIVIDI

I banditi miravano alla cassaforte. E' stata la coraggiosa resistenza dell'addetto alla macelleria a farli desistere

La ripresa dell’attività lavorativa coincide con l’ondata di rapine che hanno luogo in tutto il Canavese. Questa matttina, intorno alle 7, due banditi con il volto coperto da un passamontagna si sono introdotti all’interno del supermercato Simply di San Benigno Canavese.

L’intento è apparso subito molto chiaro: farsi consegnare il contenuto della cassaforte. I malviventi hanno immobilizzato l’addetto alla macelleria del negozio e gli hanno intimato di aprirla. L’uomo, 50 anni, residente a Verolengo, dimostrando una coraggio e una freddezza non comune, si è rifiutato. I banditi gli hanno immobilizzato mani e piedi con lo scotch e poi, constatato che l’uomo, appena entrato in servizio, era irremovibile, sono stati a rinunciare al “colpo” e a fuggire a mani vuote.

E’ stato lo stesso macellaio, dopo essere riuscito a liberarsi, ad avvertire le forze dell’ordine.

Non si esclude l’ipotesi che possa trattarsi di due balordi che vivono in paese o nelle zone limitrofe. I carabinieri della stazione di Volpiano indagano a tutto campo. L’addetto alla macelleria subito dopo l’accaduto, ha accusato un lieve malore ed è stato accompagnato in ospedale.

Leggi anche

25/08/2019

Balme: si reca al pascolo e non ritorna a valle. Ricerche in corso per ritrovare pastore 45enne

Il mattino era partito, come di consueto, per raggiungere il Pian della Mussa per far pascolare […]

leggi tutto...

25/08/2019

Paura a Chiaverano: aggredito dai ladri che volevano razziare la sua abitazione. Ferito 64enne

Picchiato dai ladri in fuga che stavano razziando al sua abitazione. Vittima dell’aggressione è stato un […]

leggi tutto...

24/08/2019

Mistero a Torrazza Piemonte: esploso un colpo di carabina contro la porta di una villetta

L’esplosione di un colpo di fucile contro una villetta si è trasformata in un giallo. L’inquietante […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy