Robassomero: s’indaga sull’ex primario di 78 anni trovato cadavere per un infarto in una roggia

Robassomero

/

28/10/2017

CONDIVIDI

La sera precedente il professionista, ex dirigente dell'ospedale Molinette, si era recato a cena, a bordo di un'autobus, con vecchi amici e colleghi. Il cadavere è stato ritrovato la mattina seguente. Inutili i soccorsi

Era andato a cena nella serata di domenica 22 ottobre con una cinquantina di colleghi e amici al ristorante “Borgo Antico” di Robassomero, ma l’epilogo di quella che doveva essere in serata spensierata si è trasformato in una tragedia per il professor Antonio Solini che, nella mattinata di lunedì 23 ottobre, è stato trovato nella bealera che scorre nei pressi del ristorante. Probabilmente l’uomo, 78 anni, residente a Revisgliasco sulla collina torinese è stato stroncato da un infarto, ma la procura di Ivrea non demorde e continua ad indagare per capire a che ora la vittima è morta e per attendere la conclusione di alcune indagini avviate dai carabinieri di Venaria.

Il fascicolo d’indagine, dunque, rimane ancora aperto. Che a stroncare l’ex primario del reparto di Ortopedia dell’ospedale Molinette di Torino sia stato un fatale attacco cardiaco lo ha confermato l’autopsia eseguita dal medico legale. Ma c’è ancora qualche punto che i magistrati inquirenti, coordinati dal procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando intendono chiarire una volta per tutte. L’uomo era stato ritrovato riverso nella roggia nella quale scorreva un flusso di pochi centimetri d’acqua. Troppo poco per annegare.

Il corpo non presentava ferite o contusioni se non una ferita alla testa che, per il medico legale, sarebbe compatibile con la caduta nella bealera. Se il professor Antonio Solini fosse stato tempestivamente soccorso poteva salvarsi. Questo è uno dei nodi gordiani che la procura eporediese intende sciogliere.

E poi: perchè nessuno dei partecipanti alla cena, si è accorto dell’assenza dell’uomo sull’autobus che aveva condotto la comitiva a Robassomero? E perché la vittima si è separato dalla cinquantina di partecipanti alla cena quando la sua auto era parcheggiata a Torino nei pressi della clinica Fornaca?

Dov'è successo?

Leggi anche

05/06/2020

Ceresole: il paese accoglie gratuitamente 150 infermieri e medici che hanno combattuto il Covid

Ceresole Reale è un piccolo comune. Un centro abitato in Valle Orco di 167 abitanti che […]

leggi tutto...

05/06/2020

Piemonte: scattano le denunce per la “bufala” sulle mascherine tossiche distribuite dalla Regione

“La Regione Piemonte sta procedendo a denunciare per procurato allarme quanti hanno dato visibilità all’ignobile accusa […]

leggi tutto...

05/06/2020

Coronavirus in Piemonte: negli ospedali si svuotano e chiudono i reparti Covid. Ma risalgono i contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, venerdì 5 giugno, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy