Rivarolo, tutti a scuola ambientale…anche il sindaco Rostagno

Rivarolo Canavese

/

02/10/2015

CONDIVIDI

Tutti a bordo del Teknobus, messo a disposizione dalla Teknoservice, per sensibilizzare gli alunni al rispetto dell'Ambiente

Tutti a bordo del bus ecologico. Ha riscosso un vivo apprezzamento tra i ragazzi e gli insegnanti delle scuole rivarolesi, il TeknoBus della società Teknoservice. Gli alunni che frequentano le scuole primarie e dell’infanzia della città di Rivarolo hanno visitato in questi giorni il bus ecologico messo a disposizione dall’azienda che gestisce la raccolta rifiuti nel Canavese Occidentale. Ogni scuola cittadina, pubblica e privata, ha avuto la possibilità di far salire i propri alunni su uno speciale bus, consentendo di apprendere le nozioni di base per una corretta raccolta differenziata e per il riciclo dei materiali.

L’iniziativa, messa in atto dalla società Teknoservice, in collaborazione con l’amministrazione comunale della città di Rivarolo, ha permesso di far conoscere ai giovani cittadini le varie fasi della raccolta, dello smaltimento ed il riciclo dei rifiuti. All’interno del Teknobus didattico è stata anche allestita una mostra realizzata con materiale di recupero, nel visitarla i bambini hanno preso atto delle cose che si possono realizzare con il riciclo dei materiali.

Gli alunni delle scuole rivarolesi hanno apprezzato e si sono dimostrati entusiasti della visita effettuata all’Eco-Bus. All’uscita dal mezzo mobile hanno ricevuto un piccolo regalo ecocompatibile, costruito con materiale riciclato.

Nella mattinata di giovedì 1° ottobre ha fatto visita al TeknoBus in Piazza Massoglia anche il sindaco di Rivarolo Alberto Rostagno che si è intrattenuto con i giovanissimi cittadini, dichiarando che queste come altre iniziative, volte all’insegnamento di una cultura ecologica e ambientale, devono diventare il perno di una moderna didattica. “Insegnando ai bambini a non inquinare, oltre a creare dei cittadini di domani consapevoli dell’importanza dell’ambiente per la salvaguardia della salute – ha dichiarato il primo cittadino -, si sensibilizzano anche le famiglie nei confronti di un tema che necessita di importanti riflessioni anche all’interno della nostra comunità”.

Dov'è successo?

Leggi anche

30/05/2020

Coronavirus, il presidente della Regione: “Abbiamo i numeri per riaprire i confini il 3 giugno”

Ospite di Tgcom24 il presidente Alberto Cirio ha affermato che “il Piemonte ha i numeri in […]

leggi tutto...

30/05/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, sabato 30 maggio 7 decessi e 82 contagi. Il Covid-19 rimane tra noi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi sabato 30 maggio, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

30/05/2020

Chivasso, messaggio del sindaco Castello: “Abbiamo riaperto i mercati ma la prudenza è d’obbligo”

Pubblichiamo il messaggio che il sindaco di Chivasso Claudio Castello rivolge ai cittadini dove si fa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy