Rivarolo-Cuorgnè: pompieri volontari fermi per i mezzi guasti. E nessuno interviene

Rivarolo Canavese

/

07/10/2015

CONDIVIDI

Bastano poche migliaia di euro per consentire ai Vigili del fuoco di continuare la loro meritoria attività di soccorso. Una vera vergogna

Sono volontari. Dedicano buona parte del loro tempo a salvare le vite altrui. E adesso sono costretti, se vogliono continuare nella loro meritoria opera di soccorso, a chiedere l’aiuto dei cittadini per far riparare i mezzi che necessitano di urgenti e indifferibili riparazioni. In fondo si tratta soltanto di qualche migliaio di euro: niente, se si pensa al valore di una vita salvata durante un incendio o un incidente di qualsiasi genere.

I Vigili del fuoco volontari di Rivarolo e Cuorgnè sono accomunati dalla stessa problematica: devono svolgere servizio su mezzi ormai inadeguati e vetusti che hanno bisogno di continue riparazioni. E così si organizzano feste, manifestazioni di solidarietà per raccogliere fondi per dare continuità a questo importante servizio. Ai pompieri servono oltre 10mila euro per risolvere il problema che blocca l’autobotte. E tremila euro servono ai colleghi di Cuorgnè che eseguono quotidianamente interventi in una vasta zona che comprende i comuni di San Colombano Belmonte, Valperga, Pratiglione, Prascorsano e Pertusio.

Allo stato attuale delle cose, in caso di una urgente richiesta di intervento è necessario telefonare al 115 e attendere una squadra di Vigili del fuoco effettivi provenienti da Ivrea. E’ facile immaginare che la tempistica d’intervento si dilata. E se si considera il fatto che a volte basta una manciata di minuti per salvare o perdere una vita, si comprende l’importanza del problema. I volontari di Cuorgnè sono così ligi al loro dovere che di recente hanno inviato una lettera a oltre 20 comuni per chiedere aiuto alle istituzioni: la guarnizione della pompa del camion Aps deve essere sostituita. Risultato? A rispondere è stata una piccola minoranza di comuni e nessuno ha stanziato anche un solo centesimo.

Bell’esempio di solidarietà e di gratitudine nei confronti di chi rischia giorno e notte la propria vita per quella altrui. In ogni caso, se nessuno interverrà, a mettere mano al portafoglio, ancora una volta, dovranno essere i volontari. Se non è una vergogna questa…

Dov'è successo?

Leggi anche

30/05/2020

Coronavirus, il presidente della Regione: “Abbiamo i numeri per riaprire i confini il 3 giugno”

Ospite di Tgcom24 il presidente Alberto Cirio ha affermato che “il Piemonte ha i numeri in […]

leggi tutto...

30/05/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, sabato 30 maggio 7 decessi e 82 contagi. Il Covid-19 rimane tra noi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi sabato 30 maggio, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

30/05/2020

Chivasso, messaggio del sindaco Castello: “Abbiamo riaperto i mercati ma la prudenza è d’obbligo”

Pubblichiamo il messaggio che il sindaco di Chivasso Claudio Castello rivolge ai cittadini dove si fa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy