Rivarolo Canavese: vietato l’uso dei “botti” di Capodanno. Si rischiano sanzioni fino a 500 euro

Rivarolo Canavese

/

21/12/2018

CONDIVIDI

L'ordinanza firmata dal sindaco Rostagno riguarda tutte le feste natalizie. Il provvedimento intende tutelare, oltre all'incolumità pubblica anche la salute degli animali domestici e selvatici

I tradizionali botti di Capodanno? A Rivarolo sono vietati. E anche a Natale.Lo stabilisce un’ordinanza sottoscritta dal sindaco Alberto Rostagno. La notte di San Silvestro bisognerà limitarsi a festeggiare l’addio al vecchio anno e l’arrivo di quello nuovo senza fare ricorso ai petardi o “artifici pirotecnici” di qualsiasi genere.

Il divieto riguarda anche quelli che si trovano in libera vendita nei negozi e quelli che producono soltanto effetti luminosi. Un giro di vite ritenuto necessario per salvaguardare l’incolumità pubblica e tutelare la salute psico-fisica degli animali domestici. E’ ormai assodato, infatti, che gli animali patiscono enormemente i timori prodotti dai botti e, non di rado, si sono verificati casi in cui cani e gatti sono morti d’infarto. I trasgressori rischiano d’incorrere in sanzioni più che salate: fino a 500 euro se non si rispetta l’ordinanza.

Lo scorso anno l’ordinanza ha sortito l’effetto sperato tanto che l’uso dei botti è diminuito drasticamente. Il fatto è che, presi dall’entusiasmo, spesso i cittadini non si limitano all’uso dei petardi, ma acquistano e fanno esplodere veri e propri ordigni. Lo sanno bene i medici che prestano servizio nei pronto soccorso degli ospedali che si trovano a ricucire dita o arti gravemente danneggiati dalle esplosioni.

E non solo questo: l’esplosione dei botti può provocare, come è evidenziato nell’ordinanza sindacale, conseguenze negative sugli animali domestici e selvatici “che può ingenerare in loro un’evidente reazione di spavento”. A far rispettare l’ordinanza saranno gli agenti della polizia e i carabinieri. In questo contesto, l’incremento del numero degli uomini dell’Arma nella locale stazione, consentirà di poter contare su una maggiore presenza delle forze dell’ordine che si traduce in più sicurezza per i cittadini.

Leggi anche

05/06/2020

Ceresole: il paese accoglie gratuitamente 150 infermieri e medici che hanno combattuto il Covid

Ceresole Reale è un piccolo comune. Un centro abitato in Valle Orco di 167 abitanti che […]

leggi tutto...

05/06/2020

Piemonte: scattano le denunce per la “bufala” sulle mascherine tossiche distribuite dalla Regione

“La Regione Piemonte sta procedendo a denunciare per procurato allarme quanti hanno dato visibilità all’ignobile accusa […]

leggi tutto...

05/06/2020

Coronavirus in Piemonte: negli ospedali si svuotano e chiudono i reparti Covid. Ma risalgono i contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, venerdì 5 giugno, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy