Rivarolo Canavese, giovane 25enne rimane con la mano incollata al tavolo. Liberato dai medici in ospedale

Rivarolo Canavese

/

15/02/2017

CONDIVIDI

Lo strato di colla depositato sul palmo della mano è stato disciolto dai sanitari in servizio al pronto soccorso

La colla che stava usando aveva un grande potenziale come quello decantato in alcuni spot televisivi. Tanto potente che un ragazzo di 25 anni, mentre stava eseguendo in cantina alcuni lavori di bricolage, è rimasto con una mano incollata al tavolo di lavoro.

Il giovane ha cercato di liberarsi ma quando si è reso conto di non riuscire da solo ha chiesto aiuto. E’ accaduto a Rivarolo Canavese nella notte tra lunedì e martedì scorso nell’abitazione di via Trieste. La colla era del tipo a pronta presa e neanche l’intervento dei famigliari prima, quello del personale della Croce Rossa dopo e dei vigili del fuoco sono riusciti a staccare la mano incollata al tavolo.

Sono stati questi ultimi che, per poter consentire il trasporto del giovane al pronto soccorso hanno smontato il tavolo tranne, ovviamente il piano al quale era attaccata la mano. Nonostante il caso fosse del tutto insolito i medici del pronto soccorso, con indubbia professionalità, sono riusciti a sciogliere lo stato di colla e a liberare la mano del giovane che ha fatto ritorno a casa. C’è da scommettere che prima di usare la colla ci penserà due volte e adotterà tutte le necessarie precauzioni.

Dov'è successo?

Leggi anche

23/02/2018

Previsioni Meteo: neve in Canavese e in Piemonte accompagnata dall’arrivo del freddo polare

Ecco le previsioni meteo per venerdì 23 febbraio. Giornata all’insegna del maltempo con piogge e nevicate […]

leggi tutto...

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy